Facebook

Arbed Dedja, Polmonite

Polmonite

In prosa:

 

Nel nido dell’Ospedale mettevano i bambini sopra il tavolo, così che li potevamo auscultare. Fuori dal calore della culla piangevano sconsolati. Un solo stetoscopio copriva l’emitorace magro, rachitico.

Il Professore: «Alla fine della respirazione dovreste sentire un crepitio, come di passi sulla neve». Solo che a Tirana mai aveva nevicato tanto da poter camminarci sopra.

I passi sulla neve, su metri di neve, li riconobbi a ridosso delle alpi come medico condotto. Ogni mattina la distesa bianca era come un grande torace. Pestavo bimbi pieni di polmonite.

In poesia:

 

«Sentirete un crepitio come di passi

sulla neve». Solo che mai

ci avevo camminato sopra.

 

Sull’altopiano lo stetoscopio copriva

tutto l’emitorace magro

rachitico affinai l’udito

alla voce del vento alla neve

di mattina la distesa bianca

era un torace pestavo bimbi

pieni di polmonite.

Arben Dedja, The Vanishing Twin. Poesie, Besa Editrice, 2015

No widget added yet.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Follow Us

Get the latest posts delivered to your mailbox:

%d bloggers like this: