Facebook

Davide Trame (English-Italian poems)

RE-EMERGING

 

Back on the pier after the long swim

you would like to be cheered, welcomed, hugged,

asked about your silent journey

after hearing only your own rhythmic

washing and gurgling, in the criss-crossing

of sunlight and seaweeds, in the threading current

with the pull of an ongoing sameness,

on one side the stones’ stretch and the waving of the pines,

on the other the hazy horizon line

and the unframed limbo of lappings all around,

in a way there’s always relief when you get out,

you can stand now, feet on solid stone,

it’s like waking up, finding back

all the day’s indispensable stirrings and tracks,

the minutely woven clappings of the morning,

all you need to begin again.

 

You know that entering the sea

has been another rehearsal for your own big crossing

but on the pier nobody is welcoming you

-why should they?- the same fisherman cleaning mussels,

the same few couples sunning and gossiping further on,

and you discover you are welcoming yourself, alone,

inwardly celebrating, staring

at the waves’ familiar unknown waiting:

why then after your own big crossing can’t all be just as normal?

A shore, a chirping in the trees,

and you, first steps with a hint of a smile,

shielding your eyes from the sun

walking forward a bit tentatively, dripping,

and the people on the pier looking indifferent,

maybe not even noticing you,

accustomed as they are to all re-emerging,

you being just one among the scattered many

the foam spins forth lulled in its own roar.

 

 

 

 

 

DOG AND DRIFTWOOD

 

Debris, all over the strand,

driftwood after a sea storm,

poured out of the horizon’s frown,

our tossed up losses, our mess from the unknown.

 

She enjoys jumping in and out of this wood web,

sniffing salt on rugged damp bark

while the sea roar fills the picture

with its wide open throat.

 

It could be anything seen from above,

the tatters of us all, the gristle of our souls,

many a Lear’s new rages and regrets,

released from dragonish clouds to make us strut and fret.

 

I gaze, blow a thin whistle in her direction,

asking her to move forward, lose sight of her

for a moment in this Guernica of wood,

then she reappears, a long stick in her mouth on top

 

of a mountain of sand, she is dangling it from side to side

as if it were a trophy I am due to recognize.

All this, like anything, could be a dream,

its sense scattered and lost in what is seen.

 

Another flash in the puzzle,

in the scattering of our transit,

what we can remember and forget, put in a life’s file,

what we can’t but accept, in the meanwhile.

 

 

 

 

 

ASSESSING

 

It’s here where we stop for a moment

half way up, where the path opens up,

where there’s just sky in front,

and below, the patchwork of the plain.

Hands on our hips we stop and stand

and gaze.

-Foggy air, definitely-.

Down below in the distance

a few belfries and roofs lie,

outlines unfocused

in a luminous veil of haze;

before them the sunlit bronze

of the autumnal leaves

quivers in curls.

 

We gaze, assessing the weather and the day.

Our breath, our simple presence.

The slight shiver of our passing and standing

over the vastness of the land that stands.

 

Before resuming our walk

we sight two buzzards

flying in circles, just above.

The sky knows how to nod.

 

 

 

 

 

 

 

WRITING THE TESTAMENT

 

Impeccable language the lawyer’s

sitting in front, helping me

with all that’s necessary

to be simple, precise, unequivocal.

Other words almost amusingly

flash in my mind while I write:

“The legal clarity of the sky”.

Sunlight is filtering

through the white curtains

and spreading on the spacious

thick oak table

and in the lawyer’s gaze,

a gorgeous woman by the way,

who is concentrated on my paper,

dictating me, translating actually

my wishes into legality.

Translating, transmuting I dare say

words into the unknown,

into the not yet,

it’s funny how we are cordially

smiling and laughing in this office,

with our looks projected

beyond the body.

And it’s funny that I feel,

while cruising through the impalpable,

that something is being accomplished,

sailing to a great full stop.

 

I have always loved my own writing,

its legibility, its sliding on the paper

effortlessly, its weightlessness

out of the body’s weight.

 

I have almost finished now:

I am writing “In faith”

and my signature.

A clear feather cast

into swarming sunlight.

 

 

 

 

 

 

 

A SEPTEMBER SUNSET IN VENICE, ON THE ZATTERE

 

Venice and the Zattere,

I have left them for too long

to tourists, as postcard matters.

But now the Giudecca line

of palaces on one side

and straight there St. Mark’s

orange and gold

just look like mine.

In the late

blaze of the season

with no cloud in the sky.

Plasters crumbling brightly

in patches, oozing

damp and salt

and blushing, I dare say,

like skin,

in the familiar smell

of lingering summer closeness.

In the rosy choir of colours.

Rose pastel and oil

and the watercolour of the lagoon.

Let me say it’s all mine.

Because I was born

and have lived here and met

the person I loved most.

In a sunset like this

that now spreads on its canvas

the memory of who I lost.

And transfigures it in a breath

I can almost taste.

“Transfigures it” yes,

let me say this while feeling its force

as a further sense, brimming

with silence and magnificence.

Since it is silence we are all sailing into.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NIGHT IN THE GARDEN

 

It’s night at last, all frames almost blurred,

and no more hardened by light,

no more pitilessly evident.

I am sitting in the rocking chair in the garden,

all lights switched off, the earth letting

its cooler breath mellow the silence.

Now thoughts can glide and pretend nonchalance,

sliding on the skin of the dark,

I hear cars whooshing on the road behind,

fast swarms, the persistence of the present,

the asphalt so smooth in its familiar grey

-take a plunge, it seems to say,

gaps are easy to bridge in the night.

I am breathing now the darker dark

of my garden’s tall trees,

shadows like seas,

where you can space, swim,

in the persistence of absence,

in the darkness that makes it

just a little bit more bearable.

Let me stay then

enveloped in darkness,

this plain now unframed

cradles me in the illusion

that everything is the same,

let me stay in this dark

where crickets mirror my heart

in their bewildered choir,

here I can still endure in my aching

and please let dawn be long, long in the making.

 

 

 

 

 

 

 

 

SKIN

 

Caravaggio’s bodies,

alive and dead.

The here-and-now of their nakedness,

their luminous closeness.

Always amazing

what’s utterly ours.

The pores and veins’ infinitesimal throbs

and a glow, our glow, that transpires.

And eyes, eyes that grab you like cries

and the cheekbones, the sinews,

that dig at once into the moment’s marrow.

In the silence and fury

our soul’s presence,

which is nothing

but the body’s exuberance.

I am trapped now in the normal

marshes’ mud and clouds,

my mind crossed by

those flesh and bones’ grip and gaze

by which we created the gods and they us,

when we stared and stood still

and nobody could resist

the earth and light’s tendons,

our skin,

piercing the mist.

 

 

 

 

 

 

 

 

PLEASE POSTPONE

( after Dylan Thomas )

 

October, the retreating

into red and orange, into mulch,

into the glow before the earlier dark.

The long, slow story of the spark.

I was born into an orange-red,

twilight entwined in rustles,

stones of Venice in worn

grey that absorbs the ways

of children’s feet in swarms,

the swaying wavelengths of the world.

I was born into this month

whose glow is quickened into a heart,

my print enwrapped in silent turf,

in the swishes of a last undergrowth.

In mother’s anxious whispers

and father’s throbbing shouts

and the rippling washing lapping

of rising tides all around.

I was born in the slow digressions

of rivers converging into

the motherly lagoon’s lap, the soul

that both contains and overflows.

I was born in earnest and in haste

in this long gash of a month

and now, in the familiar waste, on the train

of these thoughts of words like rain

I just stand alone in my own flood.

Let me indulge then, let me say

to the god who well knows how to sway

-go slow towards such a time,

I do not want to hurry towards decline.

Wait for me, even if I sit in fake gold,

let me tap all memories on the threshold

that can be thrilled and slowly enthralled

while I try to distil some eternity in my fold.

Forget me, forget all about my end

and with airy nonchalance postpone my bend,

you know anyway I’ll become bones,

and all time will come anyway,

but now please postpone.

 

October 13th 2013.

 

 

 

 

 

NEXT STOP “VENEZIA-MESTRE”

 

The train has just crossed the lagoon, morning starts,

I sit on the still empty carriage

texting a friend, fingers fumble

while eyes scan and skim

the egrets’ stillness in the shallows

and the length of the same stretch of mud

for another railroad,

then the first tall building towering after the brambles,

with on its top red numbers giving time and temperature;

I stretch on my seat, rub my eyes,

open the bag for a book without looking, still gazing outside-

the human engine, its daily gestures,

adjustments, sights.-

Then on the right the quiet

ugliness of a scrap yard,

metal sheets, lumps, in brown-red,

rust blurring shapes

while above my head

in the throb and gristle of a loudspeaker

a far, soothing voice announces

the next station, the stop

before any other destination,

what you always have to pass through.

 

Ineluctable signposts,

firmness of thresholds, while you cross them

you sense the stare of ghost irises,

the rhythm of shadows;

the train clanks on the railroad’s knots,

iron and breath, your passage

granted once more by a flicker, a nod,

almost a tap on your shoulder

during this transit,

the rehearsal we know.

 

 

 

 

 

 

KITCHEN CLOCK

 

It is ticking on the cupboard,

it’s my usual after-lunch time

when I sit at the table with a last glass of wine

assessing the instants.

It’s ticking,

although ticking is

too narrow a word for it,

its is a larger, solar pace

that fills the kitchen with quiet grace,

a blessed, steady rhythm.

Something in me

would certainly be

deprived without it.

It has been going on for a long time,

long before disgraces struck fast,

I am wondering how long

its batteries will last.

 

It’s square and red-rimmed.

It is sparkling with silence’s stare.

And with now on the floor

a large stripe

of June sun.

The Beyond

lit

in the here-and-now.

 

 

 

 

 

LETTER TO THE DEVIL

 

Well, I have just caught myself in this ranting spree,

fiery spurs spurring my flanks into nothing…

or you just talking through me… or whatever might be…

but was it you who made me love her

so powerfully, stubbornly and vainly?

The world spins and makes me digress,

was it you who made me fail to confess my own ludicrousness

and kept me chattering about you, her and them in this stark darkness?

How many viruses are tossed in this dark? Me the first or the last?

How many rhymes bide their own time? Me in their crimes?

I can’t forget her rejection and then her silence,

while the world spins, indifferent, is that you who

make me sense indifference as malevolence?

You who, after her, make me fear to ask anyone for anything

afraid of getting only a sea of silence and denial?

As if only waiting for my own trial?

Silence perpetually gnaws…it was meditation once,

was this Eden flowing before it was snatched away by this gnawing?

Yours is the bees’ strewing, a fiery luring and musing.

But is this not the knot in whatever throat, the bitter core,

that has caused the awry of all wars, the lore’s gore?

Is that you behind the spreading force in the words “never, nothing”?

Or “no”, the foe and woe.

I have assisted a dying that seemed eternal because we, you know,

most of the time, keep hoping there could be an end to the dying

and we sense we are eternally fighting to keep all this going,

to stay, against all odds, so badly and bloodily alive…thronging,

so we keep the dying going, that bitter, digging,

weary consummation despite any despite…

we are life’s exhumation….

but is that you, after all, behind the “ness” in hopelessness?

You who keep making me spill these sorts of puns with no thrill

in my lingering mess?

You, who like her, let me rant, in my own puddles, never saying a word?

The heart of silence simply sounds at one with what is unredeemable,

silence, a gallivanting maze in which everything fades in its own haze.

Is it yours this fire, this burning belly in its own mire,

why do I feel, after all, only hypocrisy in consoling?

No truce with the furies. No truce with regrets.

That becomes nostalgia, helped by a little wine, when you give respite.

To soon resume again screwing your screws with their choking hues.

Is it you who through the furies’ womb brandish life as an opened wound?

Ok, we know only if we know we have never known anything.

But words just thrive.

Have you been killing me or keeping me alive?

RIEMERGENDO

 

Risalendo sulla diga dopo la lunga nuotata

ti piacerebbe essere accolto con applausi, abbracci, pacche sulle spalle,

ti piacerebbe ti chiedessero del tuo viaggio silenzioso

in cui sentivi solo il tuo ritmico schiaffare e gorgogliare, nell’incrociarsi

di baluginii di sole e alghe, nel tessersi della corrente,

con la forza del suo stesso identico continuare,

da un lato la linea di sassi e sabbia e pini ondeggianti,

dall’altro la nuda, pigra, linea dell’orizzonte,

col limbo degli sciacquii tutto attorno,

bisogna dire c’è sempre un po’ di sollievo quando si esce,

puoi stare in piedi adesso, i piedi sulla pietra solida,

è come risvegliarsi, come ritrovare

gli indispensabili sommovimenti del giorno, le sue carreggiate,

le minuziosità degli echi del mattino,

tutto ciò di cui abbiamo bisogno per ricominciare.

 

Sai che entrando in mare

hai ancora una volta fatto le prove per la più grande traversata,

ma sulla diga ora sei solo, nessuno ti dà il benvenuto,

ma perché qualcuno dovrebbe? C’è il solito pescatore che pulisce le cozze,

ci sono quelle stesse coppie che scambiano pettegolezzi un po’ più in là,

e così ti accorgi che ti stai dando il benvenuto da solo,

stai celebrando te stesso dentro te stesso, fissando

l’ignota familiarità delle onde, le onde

che sempre ti aspettano e aspetteranno:

ma perché anche dopo la grande traversata non potrà tutto essere così normale?

Una spiaggia dopo la diga, un cinguettare tra gli alberi,

e te stesso che muovi i primi nuovi passi con l’accenno di un sorriso,

con la mano davanti agli occhi per ripararti dal sole,

andando avanti un po’ tentennante, gocciolando,

e la gente sulla diga che ti guarda indifferente,

che forse manco ti nota,

perché son tutti fin troppo abituati a chiunque emerga

e tu non sei che uno dei tanti

che la spuma butta fuori col suo fragore.

 

 

 

 

 

CANE IN SPIAGGIA, FRA ROTTAMI.

 

Rottami di legno, su tutto il bagnasciuga,

tronchi e frantumi dopo una mareggiata,

sbattuti là da un orizzonte dalla fronte aggrottata,

ciò che abbiamo perso o eliminato, i nostri avanzi dall’ignoto.

 

Lei ama saltare dentro e fuori questa ragnatela di legno,

annusando sale sulle cortecce umide,

mentre il mare nel suo fragore riempie la scena

col suo suono di gola spalancata.

 

Potrebbe essere qualsiasi cosa vista dall’alto,

i brandelli che noi siamo, lo sporco delle nostre anime,

molte nuove rabbie di Lear, molti nuovi rimpianti,

liberati dalle nuvole a forma di drago, per farci affannare.

 

Guardo, fischio in direzione di lei,

chiedendole di andare avanti, la perdo di vista

per un momento, in questa Guernica di rottami,

poi riappare, con una stecco lungo in bocca, in cima

 

ad una montagna di sabbia, lo fa oscillare di qua e di là,

me lo mostra come fosse un trofeo, lo brandisce.

Tutto questo, come qualsiasi cosa, potrebbe essere un sogno,

il suo significato sparpagliato, perso nelle immagini.

 

Un altro lampo nel puzzle, nello sparpagliarsi

del nostro transitare, ciò che possiamo

ricordare e dimenticare, mettere nel file di una vita,

non facendo altro che accettarla, come sabbia che scivola fra le dita.

 

 

 

 

 

CONSIDERANDO

 

Ecco, qui è dove ci fermiamo un momento,

a metà strada, dove il sentiero s’apre,

e dove, davanti, c’è solo cielo,

e sotto, le pezze squadrate della pianura.

Siamo fermi, con le mani sui fianchi

e guardiamo, riprendendo il respiro.

-Aria di nebbia, non c’è dubbio-.

Giù sotto, in distanza,

si vedono tetti e qualche campanile,

i contorni sfuocati

nel luminoso velo di nebbia;

più vicino il sole illumina di bronzo

le foglie autunnali,

riccioli di terra, colti nel vibrare.

 

Guardiamo, considerando il tempo e la giornata.

E il nostro respiro, il nostro esser

semplicemente presenti.

Il nostro passare, passare appena,

e sostare davanti alla terra vasta.

 

Prima di riprendere la salita

avvistiamo due poiane

che volano in cerchi,

in alto, proprio sopra

le nostre teste.

Il cielo sa come annuire.

 

 

 

 

SCRIVENDO IL TESTAMENTO

 

Linguaggio impeccabile quello del notaio

seduto di fronte, che mi aiuta

con tutto ciò che è necessario

per essere semplice, preciso, inequivocabile.

In modo quasi divertente

altre parole nel frattempo

mi risuonano nella mente:

“La chiarezza legale del cielo”.

La luce del sole filtra

attraverso le tende bianche

e si distende sullo spazioso

tavolo di quercia

e nello sguardo del notaio,

per altro una bella donna,

concentrato sul mio foglio,

concentrato nel dettare,

nel tradurre anzi,

i miei desideri in legalità.

Tradurre, trasmutare, oserei dire,

parole verso l’ignoto,

verso il non ancora,

è buffo come stiamo sorridendo

e ridendo in quest’ufficio

con i nostri sguardi proiettati

oltre il corpo.

Ed è buffo come io senta,

mentre navigo verso l’impalpabile,

che qualcosa si stia compiendo,

veleggiando verso un grande punto e a capo.

 

Ho sempre amato la mia scrittura,

la sua leggibilità, il suo scivolare sulla carta

senza sforzo, il suo essere senza peso

mentre esce dal peso del corpo.

 

Ho quasi finito adesso:

ecco, scrivo “In Fede”

e firmo.

Una piuma chiara lanciata

nel brulicare della luce del sole.

 

 

 

 

 

UN TRAMONTO IN SETTEMBRE A VENEZIA, ALLE ZATTERE

 

Venezia e Le Zattere,

le ho lasciate per troppo tempo

ai turisti, come fossero

solo cartoline e nient’altro.

Ma ora la linea dei palazzi

della Giudecca da un lato

e dritto lì di fronte San Marco,

col loro oro e arancio,

sento mi appartengono.

In questa tarda

vampata di stagione,

non una nuvola in cielo.

Intonaci che a tratti

si sgretolano brillando,

trasudando

umido e sale

e arrossandosi, oserei dire,

come pelle,

nell’odore familiare

dell’estate in cui

tutto resta vicino

e sembra volere

sempre indugiare.

Nel coro rosato di colori.

Il rosa ad olio e pastello

e la laguna acquarello.

Voglio dire che tutto questo

mi appartiene.

In questo tramonto

che rende i muri ambra e avorio

riempiendomi il cielo

dello sguardo di chi ho perso.

Trasfigurandolo in un respiro

che quasi posso assaggiare.

“Trasfigurandolo”, sì,

lasciatemi dire questo,

non credo di esagerare

poiché qui sento

un senso che va

oltre l’assenza,

colmo fino al limite,

di silenzio e magnificenza

Poiché è il silenzio

ciò verso cui navighiamo.

 

 

 

 

 

 

NOTTE IN GIARDINO

 

Finalmente è notte, tutte le cornici sono sfumate

e non più indurite dalla luce,

non più spietatamente evidenti.

Son seduto sulla sedia a dondolo in giardino,

tutte le luci spente, la terra che lascia

il suo respiro fresco ammorbidire il silenzio.

Ora i pensieri possono planare e fingere nonchalance,

scivolare sulla pelle del buio,

sento macchine sciamare sulla strada dietro,

scie veloci, il persistere del presente,

l’asfalto così liscio nella familiarità del suo grigio,

-tuffati, sembra dire,

i vuoti sono facili, nella notte, da colmare.

Respiro ora il buio più buio

degli alti alberi del mio giardino,

ombre come mari

dove si può spaziare, nuotare,

nella persistenza dell’assenza,

nell’oscurità che la rende

più sopportabile.

Lasciatemi stare quindi

avvolto nell’oscurità,

questa pianura che ora

è un solo spazio, senza divisioni,

mi culla nell’illusione

che tutto sia lo stesso,

lasciatemi stare in questo buio

in cui i grilli mi specchiano il cuore

col loro coro di incessante stupore,

qui posso ancora resistere al dolore

e per favore fate che l’alba sia lenta, lenta ad arrivare.

 

Estate 2011.

 

 

 

 

 

PELLE

 

I corpi di Caravaggio,

quelli vivi e quelli morti.

Il loro essere presenti qui ed ora

con la loro nudità

e vicinanza luminosa.

E’ sempre sorprendente

ciò che così fino in fondo è nostro.

I sussulti infinitesimali di pori e vene

e quel bagliore, il nostro bagliore, che traspira.

E occhi, occhi che ti afferrano come grida.

E gli zigomi, le giunture che senza indugio

scavano nel midollo del momento.

Nel silenzio e nella furia

la presenza della nostra anima

che non è nient’altro

che esuberanza del corpo.

Mi sento prigioniero, ora come sempre,

del fango normale delle mie paludi

e delle nuvole che lo specchiano,

l’occhio della mente attraversato

dallo sguardo di quella carne e quelle ossa,

con cui noi abbiamo creato gli dei e loro noi,

quando ci guardammo e solo guardandoci

ci sentimmo grandi

non riuscendo a resistere

a tendini di terra e di luce,

rompendo la nebbia

con la nostra pelle.

 

 

 

 

 

PER FAVORE POSPONI

 

Ottobre, quel ritirarsi

nel rosso e nell’arancio, nell’umido della terra,

nel bagliore che resta

poco prima dell’oscurità presta.

Una scintilla e una storia lunga, profonda e mesta.

Io son nato nel rosso-arancio,

nel crepuscolo avvinghiato allo stormire,

con le pietre di Venezia nel grigio consumato

che avvolge in sciami il battere di piedi di bambini,

le oscillanti lunghezze d’onda del mondo.

Son nato nel mese il cui bagliore s’affretta nel cuore,

lo stampo della mia faccia avvolto in torba silenziosa,

nei fruscii dell’ultima boscaglia.

Negli ansiosi bisbigli della madre,

e negli scatti d’urla del padre,

e l’incresparsi, lo scivolare, il lambire

delle maree che salgono.

Son nato nelle lente digressioni

dei fiumi che convergono nel grembo

della laguna materna, quell’anima

che contiene e allo stesso tempo trabocca.

Son nato nella voglia e nella fretta

di questo lungo sfregio di mese.

E ora, nella dispersione familiare, nello scorrere

dei miei pensieri di parole come pioggia

me ne sto solo nella mia propria alluvione.

Lasciatemi trastullare in essa, lasciate che dica al dio

che sa bene come spianare,

-aspetta, non farmi fretta verso il mio declinare.

Pur adagiato nell’oro falso di una terra spoglia

lasciami dio, bussare ai ricordi sulla soglia,

così che il passo sia lento e meno violento

e un po’ di eternità si distilli.

Dimenticami, dimentica la mia fine,

posponi con aerea nonchalance il mio ripiegarmi,

lo sai che diventerò comunque ossa

e che tutto avrà il tempo comunque per arrivare,

in questo tuo vasto e affollato spargere dolori e doni..

ma ora, per ora, per favore posponi.

 

13 Ottobre 2013

 

 

 

 

 

 

 

PROSSIMA FERMATA “VENEZIA-MESTRE”

 

Il treno ha appena attraversato la laguna, comincia la mattinata,

siedo nella carrozza ancora vuota,

mandando messaggi ad un amico, le dita si incasinano,

mentre gli occhi scorrono, ad una ad una,

sulle garzette nella loro quiete nell’acqua bassa,

sempre lungo la stessa linea di fango

pronta per un altro binario,

ed ecco i primi palazzi alti che torreggiano oltre i rovi,

con i numeri rossi in cima che danno l’ora e la temperatura.

Mi stiracchio sul sedile, mi sfrego gli occhi,

apro la borsa per un libro senza guardare, lo sguardo ancora fuori-

il motore umano, i suoi gesti quotidiani,

il suo perpetuo sistemarsi, aggiustarsi, aspettando ciò che arriva.

Quindi sulla destra la tranquilla bruttezza

di un deposito di rottami di metallo,

cumuli di lamiere rosso-marrone,

con la ruggine che sfuma i contorni,

mentre ecco sopra la mia testa il gracchiare sincopato di un altoparlante,

una distaccata voce suadente

che annuncia la prossima stazione,

la fermata prima di ogni altra destinazione,

ciò cui per forza bisogna passare attraverso.

 

Scritte, segnali ineluttabili,

solidità delle soglie, mentre le attraversi

senti lo sguardo fisso di iridi fantasma,

il ritmo delle ombre;

il treno sferraglia sugli scambi,

ferro e respiro, il tuo passaggio

sembra esserti garantito ancora una volta

da un baluginio, come un cenno d’assenso,

quasi un tocco sulla spalla,

nel corso di questo transitare,

durante le prove che facciamo, prima,

e che ormai conosciamo bene.

 

 

 

 

 

L’OROLOGIO DELLA CUCINA

 

Ticchetta sulla mensola,

è il mio solito momento del dopo pranzo,

quando me ne sto seduto a tavola

con l’ultimo bicchiere di vino,

facendo il punto degli istanti.

Ticchetta,

anche se ticchettare

è una parola che ci sta stretta,

c’è un ritmo più vasto, solare,

che riempie la cucina con quiete e grazia,

un ritmo benedetto, regolare.

Se si fermasse, qualcosa in me

se ne sentirebbe terribilmente privato.

Va avanti da tanto,

da assai prima che le disgrazie

veloci, arrivassero,

mi domando quanto ancora

le sue batterie possano durare.

 

E’ quadrato e dal contorno rosso.

E brilla con lo sguardo del silenzio.

E con ora, sul pavimento,

una larga striscia di sole di giugno.

L’Oltre

acceso

qui, nel presente.

 

 

 

 

 

LETTERA AL DIAVOLO

 

Va bene, mi sono appena fermato un attimo e mi son visto

dentro a questo concionare, questo delirio di parole,

speroni infuocati che mi incitano verso niente..

o sei tu che parli attraverso di me.. o chissà che..

ma sei stato tu che me l’hai fatta amare

in modo così potente, testardo e vano?

Il mondo gira e mi fa divagare,

sei stato tu che mi hai fatto fallire di confessare

la mia ridicolaggine e mi hai fatto continuare a cianciare

di te, lei e loro nell’oscurità più spietata e totale?

Quanti virus vengono gettati in questo buio? Io, il primo o l’ultimo?

Quante filastrocche si rigirano e aspettano? Io fra i loro crimini?

Non posso dimenticare il suo rifiuto e dopo, il suo silenzio,

mentre il mondo gira indifferente, sei stato tu

che mi hai fatto percepire ogni indifferenza come malevolenza?

Tu, che dopo di lei, mi hai fatto temere di chiedere qualsiasi cosa a chiunque,

temendo di ricevere in risposta soltanto un mare di silenzi e dinieghi?

Come se fossi qui in attesa del mio proprio processo?

Il silenzio rode, perpetuamente… una volta esso ero la meditazione,

ma quindi era questo l’Eden che fluiva prima di esser strappato via da questo rodere?

Tuo è lo sciame d’api che passa, un provocare infuocato che gira.

Ma non è proprio questo nodo in qualsiasi gola, il nocciolo amaro,

che ha causato i casini delle guerre, il sangue e la poltiglia dei corpi di mille racconti?

E non ci sei tu nella forza terribile che si espande dietro le parole “ mai, niente”?

O dietro “ no” che è nemico e dolore.

Ho assistito ad un morire che sembrava eterno poiché noi, come tu ben sai,

per la maggior parte del tempo, continuiamo a sperare

ci possa essere una fine al morire, e ci sembra di star sempre a combattere

affinché tutto questo vivere continui per mantenerci nonostante tutto

maledettamente vivi ed attivi..una folla di folli che comunque non la smette,

così invece teniamo bene in vita e attivo il morire,

quel consumarsi che ci scava dentro e ci stanca nonostante ogni nonostante…

noi siamo l’esumazione della vita..

ma non ci sei proprio tu in realtà dietro la perpetua affermazione

del respiro e delle sillabe che creano la disperazione?

Tu che mi fai spandere tutto attorno questi ritornelli senz’anima

mentre me ne sto qui nella melma della mia paralisi?

Tu, che come lei, mi lasci blaterare nelle mie pozzanghere e non dici una parola?

Il cuore del silenzio è di sicuro tutt’uno con ciò che è irredimibile,

silenzio, un labirinto che sembra flirtare con tutto e niente

e dove tutto alla fine si perde nella propria foschia.

Ma è tuo questo fuoco, questa pancia che brucia nel suo pantano,

e perché, perchè dopotutto io sento solo ipocrisia in ogni consolazione?

Nessuna tregua con le furie. Nessuna tregua coi rimpianti.

Ciò che diventa nostalgia, aiutato da un po’ di vino, quando tu concedi un po’ di respiro,

per ricominciare poco dopo ad avvitare ancora le tue viti dentro,

quel trafiggere e penetrare di tinte soffocanti.

Non ci sei tu che attraverso i ventri delle furie brandisci la vita

come un’aperta ferita?

Ok, noi sappiamo qualcosa soltanto se sappiamo che non sappiamo niente.

Ma le parole continuano comunque a germogliare, si riproducono, non è mai finita

e ora non so più se mi hai già ucciso o se mi stai tenendo in vita.

Davide Trame vive a Venezia, dove insegna inglese. Scrive poesia in inglese dal 1993 e ha iniziato ad auto tradursi nel 2012. Dal 1999, sue poesie sono apparse in riviste negli Stati Uniti e altri paesi di lingua inglese. Nel 2013 la sua raccolta poetica Make It Last è stata pubblicata a Belfast da Lapwing publications.

Davide Trame lives in Venice, where he teaches English. In 1993 he started writing poems in English, and in 2012 he begun translating them into Italian. Starting from 1999, his poems have been issued on literary reviews in the U.S. and in many other English speaking countries. In 2013 his poetry collection Make It Last was issued in Belfast by Lapwing publications.

No widget added yet.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Follow Us

Get the latest posts delivered to your mailbox:

%d bloggers like this: