Facebook

Gioia

IV
(Tao)

Gioia – o come dire quello spazio del soffio
di colpo dilatato alle dimensioni del cielo
quando l’istante prima: vertigine, angoscia,
chi sa? Incespicavi

a ogni passo sul tuo stesso corpo. Parlare
è impossibile e tu stesso poco degno
di aprire bocca qui, se non, forse, sì,
come un pesce sull’erba

tra le gambe del pescatore che sogna.
L’ombra della lenza non intralcia la corrente,
né la tua mano contratta il tempo che passa,
lascia andare, lascia, perché tutto è perdita

per chi vuole prendere – e nominare è forse altra cosa?

 

Guy Goffette, da La vita promessa
Gedit, Bologna 2004

Traduzione e introduzione di Chiara De Luca

Chien de Rio de Janeiro. Photo by Khaled Youssef

No widget added yet.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Follow Us

Get the latest posts delivered to your mailbox:

%d bloggers like this: