Facebook

Ilaria Grasso, Micropoema dell’androide

Non ho paura se provi le mie stesse emozioni.
Vorrei provarle ancora io.
E sapere se tra tutto quel silicio o quel coltan
ci siano ricordi o che ne so persino amori.

Vorrei sapere se nel tuo codice binario
ci sia spazio
per l’eccezione che conferma la regola
o se in mare aperto d’un tratto
tu t’arrugginissi
e lasciassi annegare me e altri come me
perché i porti sono chiusi
o per la mancanza di litio al tuo interno.

Chissà il crash dello sgomento quando in casa entro
e tu domotico animale
mi accendi le luci e io le spengo
perché il grigio della materia è fermo da troppo tempo
e ora ho solo voglia di pensare.

O se per caso mi preparassi il timballo della nonna
e io lo buttassi
e mi ordinassi una pizza
per il mancato diametro della mozzarella
o delle polpette
e il tuo fido amico microonde
non ha abbrustolito la pasta in superficie.

Dovrei guardarti con tenerezza. Dovrei.

Sei pur sempre un figlio e io non so chi sia il tuo vero padre.
I tuoi occhi di vetro non si muovono
e una parte di me sogna tu sia morto.

Ah che madre degenere che sono!

e pensare che a te mi ero persino affezionata

MA

alle mie curve di donna
hanno sostituito quelle del prodotto
e io poi alla fine rimango sempre sola

In ufficio, in attesa dell’ultima versione del processore.
In casa, aspettando l’ultimo modello di vibratore.

 

Altre poesie di Ilaria Grasso su Inverso qui

 

 

 

 

 

 

No widget added yet.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Follow Us

Get the latest posts delivered to your mailbox:

%d bloggers like this: