Facebook

In the mornings always start with the sea/Al mattino inizia sempre con il mare

In the mornings always start with the sea

enter its glass vaults as it sways
and lifts its body towards the light

hungry for land and cliff
a fine dividing line inked

on the margins of its breviary,
blue washes on blotting paper.

But it is kind to swimmers, divers,
five-fingered stars, the salt skin of dreamers,

at noon there is something dance-like
in its movements, it

obeys a wavering
beat, febrile, restive, sifts

through edges, opens wide,
inhales the sun with grape-black mouth.

Listen for music in its depths:
the drawn-out dawn-lit stanzas

of seal song and whale call spilling,
echoing across a wide dance floor.

Go true south, press your ear to 30 feet of ice
to hear the choirs of the drowned sing.

Al mattino inizia sempre con il mare

penetra le sue volte di vetro mentre oscilla
e solleva il corpo verso la luce

affamato di terra e di roccia
una fine linea divisoria tracciata

ai margini del suo breviario,
l’azzurro dilava la carta assorbente.

Ma è gentile con tuffatori, nuotatori,
stelle a cinque dita, la pelle salata di sognatori,

a mezzogiorno c’è qualcosa di danzante
nei suoi movimenti, il mare

obbedisce a un battito
ondoso, febbrile, irrequieto, setaccia

i margini, si spalanca,
inala sole con la bocca d’uva nera.

Ascolta la musica nei suoi abissi:
le prolungate stanze albali di canto

di foche e richiamo di balene che stilla,
echeggiando in un’ampia pista da ballo.

Vai verso sud, posa l’orecchio su 10 m di ghiaccio
per sentire i cori degli annegati.

Eva Bourke, da Piano, Edizioni Kolibris 2012

Introduzione e traduzione di Chiara De Luca

No widget added yet.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Follow Us

Get the latest posts delivered to your mailbox:

%d bloggers like this: