Facebook

John Ashbery

On both sides of the Atlantic a substantial and increasingly coherent body of opinion accepts that he is quite simply the finest poet in English of his generation

The Times

A cura di Andrea Sirotti

Schermata 2015-11-09 alle 13.07.43

WHEREVER YOUR SUN TAKES YOU

 

Holy Grail, Batman! Can’t you see it?

Ice cream fell on his arm when I went to explore

and found students reading papers. Please

join the opera about interesting things.

Congressman, I was one of the reasons the troubled

muse shuns its classical heritage. A positive negative voice.

Russell Weed said to read it,

and that’s my weakness now.

What kind of machine

instructs his stiffening member?

That would help. I don’t think I know who he is.

Like a disoriented codfish, the drive’s

out to get me. Did I mention cockchafers?

I was quite different then,

guilty of changing the money. Look, I —

Thanks. So you can do this at home,

on a whoopee calendar. But don’t do that.

Sleeping

with naked eyebrows, they didn’t realize they weren’t

modern. And such was the result.

But he never forgot that day on the water.

That, and mutability issues. Capisce?

I was quite different then.

Yes, I just remembered.

She’s going to be brutally named after you.

His shadow is on the other door.

What you see is what you get, neither

more nor less, but shapely.

 

Ratcheting up the task forces,

he’d hate yours.

Tell me. I’d assumed you were a doctor,

and it wasn’t just the beautiful and exacting places.

Worries, I had a few, but everything looked distinct

in his calm lens. I kind of forgot why I was coming,

what I wanted to say, in Indian August especially.

 

Ripe stairs, staggered deaths,

board of humiliation, and they come in here —

the Ice Saints, big time tumblers.

She hardly touched her dinner: routine evangelism,

full of the luck we had just inherited,

the uncrazy things that happened

on your doorstep.

 

 

 

CITY OF BOUNCERS

 

There’s the speed of golden ivy,

the city wing. A hundred this weekend

having wonderful meeting, not slamming,

substantiated enough.

Where there’s feet,

the not-so-air-conditioned gent in the foyer

invites you to a chop-busting. That will

patch up today’s industrious pose

till the paint dries. Yes, and what about you

and your project? Afraid it’ll grow beyond

the sustainable frontier, just like your Maw

warned you back in the day, when sisters

alighted from planes looking breezy and collected?

 

Putting it on the take with the haircut

I just limned, the event horizon

ought to be in fine shape by tomorrow.

Look, we just want to cancel our order.

Is that such a big deal, Danny boy?

 

 

 

BREEZEWAY

 

Someone said we needed a breezeway

to bark down remnants of super storm Elias jugularly.

Alas it wasn’t my call.

I didn’t have a call or anything resembling one.

You see I have always been a rather dull-spirited winch.

The days go by and I go with them.

A breeze falls from a nearby tower,

finds no breezeway, goes away

along a mission to supersize red shutters.

 

Alas if that were only all.

There’s the children’s belongings to be looked to

if only one can find the direction needed

and stuff like that.

I said we were all homers not homos

but my voice dwindled in the roar of Hurricane Edsel.

We have to live out our precise experimentation.

Otherwise there’s no dying for anybody,

no crisp rewards.

 

Batman came out and clubbed me.

He never did get along with my view of the universe

except you know existential threads

from the time of the peace beaters and more.

He patted his dog Pastor Fido.

There was still so much to be learned

and even more to be researched.

It was like a goodbye. Why not accept it,

anyhow? The mission girls came through the woods

in their special suitings. It was all whipped cream and baklava.

Is there a Batman somewhere, who notices us

and promptly looks away, at a new catalog, say,

or another racing car expletive

coming back at Him?

 

 

 

HAND WITH A PICTURE

 

Here’s what we haven’t done yet.

I’ll remember that morning temperature.

Meanwhile I’m cautiously optimistic.

 

That afternoon in bed

on the big farm

was one of those times,

whether we need it.

 

The hem of her story in the edge,

funny loaves to wash it down with,

too much or too little sleep —

do we have any place to sit?

 

I haven’t even got time to talk to you yet.

Saw vision ahead of me. Yes I can’t find it now,

the work history. What’s it called?

 

Do you want us to eliminate

the few times it makes me feel great?

In ways that you don’t know? Neither

conspicuously handsome nor precisely plain, the ego

 

seemed to dote on its imperfections,

giggling at thunderstorms,

at balding consciousness.

I know just how you must feel about it.

I’m outta here.

 

News every day, or distressing silences.

A dish in a respected room.

The one who was coming back, arguing

back and forth, hit the wrong bathroom –

A power hugely shifting at bottom

to wander on that floor …

 

 

 

A GREETING TO MY BROTHERS AND SOME OF MY BROTHERS-IN-LAW

 

The chic flatness of memory

takes the arctic brotherhood to task.

Where’d you get it at?

Don’t think of it yet.

Awake in the shadow of the school’s cactus garden

you have ALL of the handcuffs,

bracelets, whatever,

like the exploding manhole covers of Skopje.

 

How open was it?

To here a former first lady,

the victims were visited too and

down there for ten days without a punchline.

He’s only got seven kids and none of these are tea drinkers.

Restrictions led the way,

then grunge too passed, leaving a dimpled wake

much prized by amateurs.

What to reoffer? Wow.

Suddenly a giant snowflake pierced the trellis

thirty-five minutes ago, trapped in honey.

 

 

 

ANDANTE AND FILIBUSTER

 

Remember last month, when he was saying

doomed lovers’ syndrome uproots us all?

They all wanna hear that,

and hanging them out to dry slumpingly caresses

the center for new needs, and we’ll stiffen some near

the walled city and find 100 percent electricity of the vote.

 

(Not sure about that.) Funny you should ask.

We got a small grant to have the house inspected and

as a result of that discovered a small crack

leading from the front door to the basement.

Much thinner air here, although the nation’s salt and pepper

sprinkle the neighborhood. Hose her down. Keep trying

to creep out, test ingot possibilities.

Recently in the stores I spotted

preppy garbage. Grew a ten-gallon hat shopping

in the ruins, how it feels around

the edges —something you do for a moment. Brutally

obnoxious, I like to know who’s coming and going

and not be bothered. (Promised

 

to wake him up in July.) Still not doing anything to incur our attention?

Then you have followed all what we have to say.

Cough it up —little green cross-eyed slots.

No bricks. Just mortar. Ready. Ready for a takeover.

The catalpas of reconciliation wilt,

proving, if little else,

why a good presentation matters.

 

 

 

STRANGE REACTION

 

Our networks will be joining you in progress.

Let’s break for lunch here, dry-eyed,

alarming, and see what everybody’s talking about.

We can always resume our travels for what they are,

and if that is so, if they’re fun and expensive,

why not number them? Things sag if you make them,

or not. Elders give up

 

within the appointed time —Get your lifestyle together

or something, miles from here, much of it downstairs.

Go lie on the couch. Why, you scheming … From the cast-iron

villas of the sanctimonious to the feathered huts

of the poor in spirit, a hush fringed all night.

 

Dawn put in her two cents.

By then we were deep in imagination.

Storks and secretary birds rose in a single wave,

charming in its generality. A pink jumper

stroked the trees. So, where were you?

This was it? What we got all cleaned up for?

Tomorrow will rob today of croutons, I don’t think.

 

 

 

THE CLOUD OF KNOWING

 

There are those who would have paid that.

The amount your eyes bonded with

(O spangled home) will have to work it out in a room

like they have certain chairs set up together

which were violet. We all have to fail

at end of days, yet not so pronto

she said. And lo, it was like a breeze of vacuum

beyond the stiff perimeters already granted us.

A whole goes. And then a whole lot.

 

Most valuably, no one writes a letter

to those sprinting up ahead, who wouldn’t read it anyway.

In Dodge and other windswept places

the evening news took pride of place.

Attentats were back. Parental concern loomed. Peckers

swollen by the rainforest beckoned.

Many liberals and even some conservatives

called for a business replacement. Jeez, you guys,

can’t you hum anything? What about little Elfrida?

He’s not the famous young person I knew.

That one had a lot of little bits in it,

you know, soothing, from home, a minefield.

 

 

 

DRAMEDY

 

Things I left on your paper:

One of the craziest episodes that ever overtook me.

Do you like espionage? A watered charm?

My pod cast aside, I’ll walk in the human street,

protect the old jib from new miniseries.

 

I could swear it moved

in incomplete backyards

to endorse the conversation, request to be strapped in.

Then it will be time to take the step

giving fragile responses,

and finally he wrote the day.

 

It happened in the water so that was nice.

It comes ready conflated:

vanilla for get lost, flavor of the time

of his sponsor’s destiny. Be on that sofa.

I was crossing the state line as they were reburying the stuff.

You break the time lock, the bride’s canister …

but we did say that we’d be back.

 

 

 

THE UNDESERVING RIVER

 

The tour we went on was a house, actually.

Kittens lived behind its clapboards,

rarely issuing forth for food.

A whole other hierarchy of beings

was established there, who saw little need

to attend to business, e.g., a letterhead.

 

At times around four o’clock a leaf pile

would get blown by the wind.

Except for that the weather was mild

especially by comparison with what we thought

we had already experienced

in harder times, when things were just so.

 

Gym equipment was underutilized, as always.

In my notes I had three or four things I wanted

to draw to your attention, but it no longer seems

important. I’ll go out the way I came in,

incidentally wishing you and yours a happy Christmas

while we go visit our parent-kids

versus the people of Missouri

and Raymond Verandah and his orchestra,

and turn up again. Be that way!

 

 

 

THE PRICE OF EGGS

 

No one remembers Mr. Coffee Nerves,

his lap of beads, allegedly sitting there.

 

Families with pets, help me with this.

Something may disturb him:

sun’s parody, the price of eggs, raw orange.

 

Who was that plant from?

She, somewhat evaporated … Would I laugh?

You are not to be concerned about fish.

Extreme ants polished our definition.

 

In the hooded phase, a second ago.

She may have broken loose

only among the treatises of those provided for,

and work behind them

for dandies, for a princess,

trained buggers:

“Up to 13V2 million pounds of dry goods sold.”

 

 

 

GRAVY FOR THE PRISONERS

 

I wouldn’t try to capture it

on the page, or in a blog, the inauspicious

leavings of a day. Closer to dream

than the hum of streets, and people

who once walked along them.

 

Yeah, I know. Know what I’m saying?

The grounds were ultimately too large for the compound.

A tree takes flight, and patterns are coaxed

into recurring on adjacent walls,

out of thin air.

No such titan ever visited

during my days as aedile. Yet wisps

still buttonhole us in random moats:

Was it this you were expecting,

and if not, why not?

 

 

 

PUSHOVER

 

Moreover, they’d like to have

at least an important committee.

Whispers should plainly open up.

Next, a tax on everything.

 

Does that make sense?

It’s when your father was formed.

There’s the weather and all those dogs or something

Space could only hurt him

or agree with him.

 

Moving on, to western Coney Island,

sprawling temperatures suggest

we apologize for any inconvenience.

 

Or you could chew on it another time.

 

 

John Ashbery, from Breezeway, Carcanet Press, Manchester 2015

OVUNQUE TI PORTI IL TUO SOLE

 

Sacro Graal, Batman! Ma non lo vedi?

Gli è caduto il gelato sul braccio quando, in esplorazione,

ho beccato gli studenti a leggere il giornale. Ti prego

unisciti all’opera delle cose interessanti.

Senatore, sono stato io uno dei motivi per cui la travagliata

musa scansa l’eredità classica. Una voce negativo-positiva.

Russell Weed ha detto di leggerlo,

e ora è la mia debolezza.

Che tipo di macchina

istruisce il suo membro barzotto?

Sarebbe d’aiuto. Non credo di sapere chi sia.

Come un baccalà disorientato, la pulsione

mi aspetta là fuori. Ho parlato di stropicciacazzi?

Ero assai diverso allora,

colpevole del cambio denaro. Guarda, io –

Grazie. Così lo puoi fare anche a casa,

su un calendario figo. Ma non farlo.

Dormendo

con sopracciglia nude, non si rendevano conto di non essere

moderni. E quello fu il risultato.

Ma non dimenticò mai quel giorno sull’acqua.

Quello, e i problemi della mutabilità. Capisce?

Ero molto diverso allora.

Sì, mi sono appena ricordato.

Lei sta per essere brutalmente chiamata come te.

La sua ombra è sull’altra porta.

Quello che vedi è quello che ottieni, né

più né meno, ma in forma.

 

Incrementando le task force,

lui odierebbe la tua.

Dimmi. Avevo pensato fossi un medico,

e non erano soltanto i posti belli e impegnativi.

Preoccupazioni ne ho avute un po’, ma tutto sembrava distinto

nella sua calma lente. Non ricordo più perché stavo venendo,

quel che volevo dire, soprattutto nell’agosto indiano.

 

Scale mature, morti sfalsate,

comitato di umiliazione, e vengono qui –

i Santi di ghiaccio, i bicchieri dei bei tempi.

Non ha quasi toccato la cena: evangelismo di routine,

pieno della fortuna appena ereditata,

le cose nonpazze che son successe

alla tua soglia.

 

 

 

CITTÀ DI BUTTAFUORI

 

C’è la velocità dell’edera dorata,

l’ala della città. Un centinaio questo weekend

che vanno a meeting meravigliosi, senza sbattere,

giustificati a sufficienza.

Finché c’è piedi,

il signore dall’aria non troppo condizionata nel foyer

ti invita a uno spaccamascelle. Questo

rabbercerà la posa industriosa dell’oggi

finché la vernice non si asciuga. Sì, ma dimmi di te

e del tuo progetto. Temi che si svilupperà oltre

la frontiera sostenibile, proprio come Mammina tua

ti aveva avvertito ai vecchi tempi, quando le sorelle

sbarcarono dagli aerei tutte spigliate e raccolte?

 

Predisporsi a prendere col taglio di capelli

che ho appena disegnato, l’orizzonte degli eventi

dovrà essere in ottima forma entro domani.

Guarda, vogliamo solo annullare l’ordine.

È un grosso problema, Danny boy?

 

 

 

PASSAGGIO COPERTO

 

Qualcuno disse che ci serviva un passaggio per quietare,

abbaiando, i resti della supertempesta Elias giugularmente.

Ahimè non spettava a me decidere.

Non ho avuto chiamate o niente di simile.

Vedete, son sempre stato una verricella piuttosto ottusa.

I giorni se ne vanno e io con loro.

Una brezza cade da un grattacielo vicino,

non trova passaggi coperti e se ne va

in una missione per sovradimensionare le persiane rosse.

 

Ahimè se fosse solo tutto qui.

Ci sono le cose dei bambini da affrontare

se solo si potesse trovare la direzione necessaria

e roba del genere.

Dissi che eravamo tutti omero non omoero

ma la mia voce vacillò nel rombo dell’uragano Edsel.

Dobbiamo vivere la nostra precisa sperimentazione.

Altrimenti non c’è morte per nessuno,

nessuna croccante ricompensa.

 

È venuto fuori Batman e mi ha bastonato.

Non gli è mai andata a genio la mia idea dell’universo

tranne, sapete, discussioni esistenziali

dal tempo dei battitori di pace e oltre.

Accarezzò il suo cane Pastor Fido.

C’era ancora tanto da imparare

e ancora di più da ricercare.

È stato come un addio. Perché non accettarlo,

in ogni caso? Le ragazze della missione sono arrivate dai boschi

agghindate all’uopo. Era tutto panna montata e baklava.

C’è un Batman da qualche parte, che si accorge di noi

e presto distoglie lo sguardo, in un nuovo catalogo, diciamo,

o un’altra imprecazione da corsa

tornare da Lui?

 

 

 

MANO CON FOTO

 

Questo è ciò che non abbiamo ancora fatto.

Mi ricorderò di quella febbre al mattino.

Intanto sono cautamente ottimista.

 

Quel pomeriggio a letto

alla grande fattoria

è stato uno di quei momenti,

che ne abbiamo bisogno o meno.

 

L’orlo della sua storia nel bordo,

pagnotte divertenti ad annaffiare il tutto,

troppo sonno o troppo poco –

abbiamo un posto in cui sederci?

 

Ancora non ho nemmeno avuto il tempo di parlarti.

Ho visto visioni davanti a me. Sì, non riesco a trovarla ora,

la storia del lavoro. Come si chiama?

 

Vuoi che eliminiamo

le poche volte che mi fa sentire bene?

In modi che non conosci? Né

vistosamente bello né precisamente brutto, l’ego

 

sembrava rimbambire sulle sue imperfezioni,

ridacchiando ai temporali,

alla coscienza stempiata.

So esattamente come ti devi sentire.

Io mi chiamo fuori.

 

Notizie ogni giorno, o silenzi angoscianti.

Un piatto in una stanza rispettabile.

Quello che ritornava, litigando

avanti e indietro, è entrato nel bagno sbagliato –

Un potere che si sposta enormemente in basso

a vagare su quel pavimento …

 

 

 

UN SALUTO AI MIEI FRATELLI E A QUALCUNO DEI MIEI COGNATI

 

La piattezza chic della memoria

mette in riga l’artica fratellanza.

Dove lo hai preso?

Non ci pensare ancora.

Svegli nell’ombra del giardino di cactus della scuola

avete TUTTO: manette,

bracciali, qualunque cosa,

come i tombini deflagranti di Skopje.

 

Quanto era aperta?

Qui un ex first lady,

anche le vittime furono visitate e

laggiù per dieci giorni senza una battuta finale.

Ha solo sette figli e nessuno beve il tè.

Le restrizioni hanno aperto la strada,

poi anche il grunge è passato, lasciando una scia di fossette

molto apprezzate dagli amatori.

Che cosa rioffrire? Wow.

Di colpo un gigantesco fiocco di neve trafisse il traliccio

trentacinque minuti fa, in trappola nel miele.

 

 

 

ANDANTE E FILIBUSTA

 

Ricorda il mese scorso, quando lui diceva

che la sindrome degli amanti maledetti ci sconvolge tutti?

A tutti garba sentirlo,

e appenderli fuori ad asciugare a peso morto accarezza

il centro per nuovi bisogni, e noi irrigidiremo un po’

presso le mura trovando il 100 per cento di elettricità del voto.

 

(Non ne sono proprio certo.) Buffo che lo chiedi.

Ci han dato un piccolo contributo per controllare la casa

a seguito di cui scoprimmo una piccola crepa

che va dalla porta d’ingresso al seminterrato.

Aria molto più fina qui, anche se il sale e il pepe della nazione

cospargono il quartiere. Lavala a fondo. Continua a provare

a strisciar fuori, prova le possibilità del lingotto.

Di recente nei negozi ho notato

spazzatura preppy. Mi è venuto un cappello da 40 litri

facendo la spesa tra le rovine, come ci si sente attorno

ai bordi – qualcosa che fai per un attimo. Brutalmente

detestabile, mi piace sapere chi viene e chi va

e non esser disturbato. (Ho promesso

 

di svegliarlo a luglio.) Ancora non facendo nulla per attrarre la nostra attenzione?

Poi avete seguito tutto ciò che abbiamo da dire.

Sputalo fuori – piccole strabiche fesse verdi.

Niente mattoni. Solo malta. Pronti. Pronti per un cambio.

Le catalpe della riconciliazione si seccano,

dimostrando, se non altro,

l’importanza di una buona presentazione.

 

 

 

STRANA REAZIONE

 

I nostri network si uniranno a te in corso d’opera.

Fermiamoci a pranzo qui, con gli occhi asciutti,

allarmanti, e vediamo di cosa parlano tutti.

Possiamo sempre riprendere i viaggi per quel che sono,

e se è così, se sono divertenti e costosi,

perché non numerarli? Le cose si abbassano se le fai,

o no. Gli anziani rinunciano

 

entro il tempo stabilito – rabbercia il tuo stile di vita

fa’ qualcosa, a miglia da qui, in gran parte al piano di sotto.

Va’ a sdraiarti sul divano. Perché, tu intrigante … Dalle ville

in ferro battuto dei bigotti alle capanne piumate

dei poveri di spirito, un silenzio sfrangiò tutta la notte.

 

L’alba ha messo i suoi due centesimi.

Da allora siamo stati in profonda immaginazione.

Cicogne e uccelli segretario si librano in una sola ondata,

affascinante nella sua generalità. Uno scialle rosa

accarezzò gli alberi. Allora, dove sei stato?

È andata così? Per cosa ci siamo messi in ghingheri?

Domani deruberà l’oggi di crostoni, non penso.

 

 

 

LA NUBE DEL SAPERE

 

C’è gente che l’avrebbe pagata.

La somma cauzionata dai tuoi occhi

(O casa sbrilluccicante) dovrà essere negoziata in una stanza

come si fa con certe sedie messe insieme

che erano viola. Tutti dobbiamo fallire

alla fine dei giorni, ma non così pronti via

disse lei. Ed ecco, fu come una brezza di vuoto

oltre i rigidi perimetri a noi già concessi.

Un tutto se ne va. E poi un altro tutto.

 

E cosa ancor più preziosa, nessuno scrive una lettera

a chi parte a razzo, che non l’avrebbe letta comunque.

A Dodge e in altri posti spazzati dal vento

il telegiornale della sera ha avuto il posto d’onore.

Di nuovo attentati. Incombente preoccupazione genitoriale.

I picchi, gonfi di foresta pluviale, lanciavano richiami.

Molti liberali e perfino qualche conservatore

chiedevano una sostituzione d’affari. Cribbio, ragazzi,

non potete canticchiare qualcosa? E la piccola Elfrida?

Non è il famoso giovinetto che conoscevo.

Quello aveva dentro tanti pezzettini,

hai presente? Consolanti, da casa, un campo minato.

 

 

 

DRAMMEDIA

 

Cose che ho lasciato sulla tua carta:

uno degli episodi più folli che mi abbiano mai sopraffatto.

Ti piace lo spionaggio? Un fascino annacquato?

Il mio pod castigato, percorrerò a piedi la strada umana,

proteggo il vecchio arnese da nuove miniserie.

 

Potrei giurare che si è mosso

in cortili incompleti

ad approvare la conversazione, chiedere di essere legato.

Poi sarà ora di fare il passo

dando fragili risposte,

e alla fine ha scritto il giorno.

 

È successo in acqua, quindi è stato bello.

Arriva già conflato:

vaniglia per perdersi, il sapore del tempo

del destino del suo sponsor. Essere su quel divano.

Attraversavo il confine mentre riseppellivano la roba.

Spezzi il lucchetto del tempo, la scatolina della sposa …

eppure abbiamo detto che saremmo tornati.

 

 

 

IL FIUME IMMERITEVOLE

 

Il giro che facemmo in realtà fu in una casa.

Gattini vivevano dietro le sue assicelle,

uscendo di rado a procurarsi il cibo.

Tutta un’altra gerarchia di esseri

vi si era stabilita, che vedeva poca necessità

di dedicarsi agli affari, alla carta intestata, ad esempio.

 

A volte intorno alle quattro il vento

soffiava via un mucchio di foglie.

A parte quello, il tempo era mite

soprattutto rispetto a ciò che pensavamo

che avevamo già sperimentato

in tempi più duri, quando le cose erano come si deve.

 

Gli attrezzi da palestra erano sottoutilizzati, come sempre.

Sul taccuino avevo tre o quattro cose che volevo

per attirare la tua attenzione, ma ormai non sembra più

importante. Esco da dove sono entrato,

augurando, per inciso, un buon Natale a te e ai tuoi

mentre andiamo a far visita ai nostri figli-genitori

contro il popolo del Missouri

e Raymond Veranda e la sua orchestra,

per poi rifarsi vivi. Fa’ come credi!

 

 

 

IL COSTO DELLE UOVA

 

Nessuno ricorda Mr. Caffè Nervi,

il suo giro di perle, presumibilmente seduto lì.

 

Famiglie con animali, aiutatemi voi.

Qualcosa può disturbarlo:

la parodia del sole, il costo delle uova, arancio crudo.

 

Chi ha portato quella pianta?

Lei, un po’ svaporata … Dovrei ridere?

Non devi preoccuparti dei pesci.

Formiche estreme levigarono la nostra definizione.

 

Nella fase incappucciata, un secondo fa.

Lei potrebbe aver sbroccato

solo fra i trattati fra quelli forniti,

lavorando dietro loro

per i dandy, per una principessa,

canaglie matricolate:

“Fino a 13V2 milioni di chili di merci secche vendute.”

 

 

 

SALSA PER I PRIGIONIERI

 

Non vorrei provare a catturarlo

sulla pagina, o in un blog, gli infausti

resti di un giorno. Più vicini al sogno

del ronzio delle strade, e la gente

che una volta ci camminava sopra.

 

Sì, lo so. Sapete di cosa sto parlando?

I terreni alla fine erano troppo grandi per il compound.

Un albero s’invola, e i disegni li blandiamo

a riaffiorare dal nulla,

lungo le pareti adiacenti.

Nessun titano si è mai fatto vedere

durante i miei giorni da aedile. Eppure ciuffi

ancora ci asolano in casuali fossati:

Era questo che ti aspettavi,

e se no, perché no?

 

 

 

GIOCO DA GONZI

 

Inoltre, vorrebbero avere

almeno un’importante comitato.

I sussurri dovrebbero chiaramente aprirsi.

E poi, una tassa su tutto.

 

Ha un senso tutto questo?

È quando si è formato tuo padre.

C’è il tempo e tutti quei cani o qualcosa

lo spazio poteva solo fargli del male

o assecondarlo.

 

Passando, per la Coney Island occidentale,

le temperature tentacolari suggeriscono

che ci scusiamo per gli eventuali disagi.

 

O puoi rimuginarci sopra un’altra volta.

 

 

Traduzione di Andrea Sirotti

John Ashbery is the author of more than twenty books of poetry, most recently Quick Question (January 2013) and Breezeway (2015). He is the recipient of many honours, including the Pulitzer Prize, the National Book Award, and a MacArthur ‘genius’ award. Born in Rochester, New York, he was educated at Harvard and Columbia. In 1955 he went to France on a Fulbright Scholarship and spent much of the next decade there, including several years as art critic of the International Herald Tribune and Paris correspondent of ArtNews magazine. Ashbery’s research on the life and works of Raymond Roussel (1877-1933) resulted in several groundbreaking articles, as well as the appearance in print of the first unpublished work of the writer to come to light after his death. His translations include works by Roussel, Max Jacob, Pierre Reverdy, Stéphane Mallarmé, André Breton, Paul Eluard and many others. His 2008 translation of Pierre Martory’s The Landscapist was a Poetry Book Society Recommended Translation. The French government has appointed Ashbery as both Chevalier des Arts et des Lettres and Officier of the Légion d’Honneur.

John Ashbery è autore di più di venti raccolte di poesia, tra i quali Quick Question (gennaio 2013) e Breezeway (2015). È stato insignito di numerosi riconoscimenti, tra cui il Premio Pulitzer, il National Book Award, e il premio MacArthur ‘genius’. Nato a Rochester, New York, si è formato ad Harvard e alla Columbia. Nel 1955 si è trasferito in Francia per una borsa di studio Fulbright e vi ha trascorso gran parte del decennio successivo, lavorando per molti anni come critico d’arte per “International Herald Tribune” e come corrispondente a Parigi della rivista “ArtNews”. Le ricerche di Ashbery sulla vita e le opere di Raymond Roussel (1877-1933) sono confluite in numerosi articoli pionieristici, e hanno inoltre portato alla stampa delle prime opere inedite venute alla luce dopo la morte dell’autore. Tra le sue traduzioni ricordiamo opere di Roussel, Max Jacob, Pierre Reverdy, Stéphane Mallarmé, André Breton, Paul Eluard e molti altri. Nel 2008, la sua traduzione di The Landscapist [Il paesaggista], di Pierre Martory è stata la “traduzione raccomandata” dalla Poetry Book Society. Il Governo francese lo ha nominato Chevalier des Arts et des Lettres [Cavaliere delle Arti e delle Lettere] e Officier della Légion d’Honneur [Ufficiale della Legione d’Onore].

Carcanet Press ha pubblicato numerosi volumi di sue opere e traduzioni.

No widget added yet.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Follow Us

Get the latest posts delivered to your mailbox:

%d bloggers like this: