Facebook

María Monvel

 

a cura di Emilio Capaccio

Maria_MonvelMaría Monvel, nome letterario di Tilda Brito Letelier, nacque nel 1899 a Iquique, capitale della regione di Tarapacá, nel Cile settentrionale, sulle coste dell’oceano Pacifico. Già nei primi anni della sua vita manifestò un’autentica inclinazione per la poesia, pubblicando le sue prime liriche su riviste e periodici locali. Si sposò molto giovane con un avvocato con il quale ebbe una figlia, separandosi dopo pochi anni. Nel 1917, dopo essersi trasferita a Santiago e accolta subito con grande favore da parte della critica della capitale, fu inserita, con il suo vero nome, nella grande antologia della poesia cilena, dal titolo: Selva Lírica, pubblicata da Julio Molina Núñez e Juan Agustín Araya. A Santiago diresse la rivista letteraria “Para Todos”, e sposò Armando Donoso Novoa (1886-1946) – critico letterario, saggista e periodista – con il quale ebbe un’altra figlia. La rivista era pubblicata dall’Editorial Zig-Zag, alla quale la poetessa era legata, sia a causa dell’influenza del marito che era membro del cosiddetto  Grupo de los Diez[1], sia per le amicizie che aveva consolidato nel corso del tempo con letterati e intellettuali che ruotavano intorno all’editoriale.
Pubblicò 7 raccolte poetiche con le maggiori case editrici dell’epoca, di cui una fu pubblicata a Barcellona: Romances de Ensueños (1918); Fue Así (1922); El Marido Gringo (1926); Poesías (1927); Poetisas de Américas (1930); Sus Mejores Poemas (1934), Ultimos poemas (1937), pubblicato postumo dal marito. Fu anche una valida traduttrice e scrittrice: tradusse molte opere di poeti e autori europei, tra cui Goethe e i sonetti di Shakespeare.
María Monvel era di costituzione piccola e delicata ma di una bellezza estremamente seducente e un temperamento sensuale che riversava nella sua poesia, dalle tinte moderniste, insieme a un incessante desiderio di ascensione spirituale. La sua poesia è permeata da irrequietudini vitali espresse con un linguaggio trasparente e privo di retorica, con un timbro lirico lieve, al contempo vibrante e di una grazia tipicamente femminile, attraverso cui antepone le sue tematiche peculiari, come l’amore, il dolore e la fede. A causa delle sue fragili condizioni di salute, morì a soli 37 anni, il 25 settembre del 1936, nella capitale cilena. Oggi, insieme a Gabriela Mistral (1889-1957), è considerata una delle voci più amate e rappresentative della poesia femminile cilena.

 

 

 

Luna del trópico, ancha y derretida

 

 

Luna del trópico, ancha y derretida como la mantequilla en verano.

Cielo azul sin nubes, con reminiscencias de sol, aun a media noche.

Palmeras del trópico, delgadas como una mujer joven: senos pequeños y caderas lisas como una adolescente.

De noche alzáis en alto vuestras cabelleras verdes y flotantes, empinándoos en la punta de los pies, y al borde de las playas estrechas y lisas, parecéis grandes sirenas encantadas.

Desnuda bajo mis sedas chinas, se adormece mi cuerpo sobre el puente, se adormece de laxitud, y

mis deseos despiertan inquietos.

Alrededor de mis senos y de mi vientre, entre mis muslos lisos y pegados, circula una larga serpiente cuya caricia atroz y dulce, me produce escalofrios hondos.

A momentos aletea su hocico como una mariposa sobre mis labios apretados.

Me rodea los brazos para inmovilizarlos, y con su lengua fina, lame mis pezones erectos en busca de leche.

Por entre mis rodillas ceñidas continúa circulando, leve como un soplo, y sensible como una caricia inteligente.

La luna simula el ojo dilatado y blanco de un moribundo.

El mar, un mar que es una sombra, respira con blandura …

 

 

 

 

 

Luna del tropico, larga e sciolta

 

 

Luna del tropico, larga e sciolta come burro in estate.

Cielo azzurro senza nuvole, con reminiscenze di sole, anche a mezzanotte.

Palme del tropico, snelle come una giovane donna: seni piccoli, fianchi lisci come un’adolescente.

Di notte alzate in alto le vostre chiome verdi e fluttuanti, sollevandovi sulla punta dei piedi, e sull’orlo di spiagge fini e lisce, sembrate grandi sirene incantate.

Nuda sotto le mie sete cinesi, si addormenta il mio corpo sul ponte, si addormenta di lassitudine, e i miei desideri si destano inquieti.

Attorno ai miei seni e al mio ventre, tra le mie cosce lisce e strette, circola un lungo serpente la cui carezza atroce e dolce, mi produce profondi tremori.

A momenti aleggia il suo muso come una farfalla sulle mie labbra serrate.

Gira intorno alle braccia per immobilizzarle, e con la sua lingua sottile, sfiora i miei capezzoli eretti in cerca di latte.

Tra le mie ginocchia chiuse continua strisciando, lieve come un soffio, e sensibile come una carezza intelligente.

La luna simula l’occhio dilatato e bianco di un moribondo.

Il mare, un mare che è un’ombra, respira blando …

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Deseo

 

 

Deseo,

tortura indescriptible,

¡o te mato o me muero!

 

Deseo …

¡No te logro arrancar

ni del tormento de mi sueño!

 

¡Soy toda tuya, toda tuya,

y del demonio poseída,

deseo,

te entrego mi espíritu indefenso.

 

Mi clamor delirante

atraviesa el silencio.

 

Inmóvil, de pie en tu corriente

me arrastras, hendiendo mis esfuerzos.

 

El peso de tu garra

se me clava en el pecho,

y en el rostro, como una mancha de onix,

tu risotada de desprecio.

 

Deseo de la estrella filante

que dejó como un polvo de oro en mis dedos,

del agua clara de la fuente

que hizo la sed en mi desierto …

 

Deseo,

te mato yo, o me muero!

 

 

 

 

 

 

Desiderio

 

 

Desiderio,

tortura indescrivibile,

ti ammazzo o muoio!

 

Desiderio….

non riesco a strapparti

neppure dal tormento del mio sonno!

 

Sono tutta tua, tutta tua,

e dal demonio posseduta,

desiderio,

ti consegno il mio spirito indifeso.

 

Il mio clamore delirante

attraversa il silenzio.

 

Immobile, in piedi nella tua corrente

mi trascini, fendendo i miei sforzi.

 

Il peso del tuo artiglio

si è inchiodato nel mio petto,

e sul viso, come una macchia d’onice,

la tua risata di disprezzo.

 

Desiderio della stella filante

che lasciò come una polvere d’oro tra le mie dita,

dell’acqua chiara della fonte

che fece la sete nel mio deserto …

 

Desiderio,

ti ammazzo, o muoio!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tengo dos hijos, y tengo un muñeco

 

 

Tengo dos hijos, y tengo un muñeco.

Todavia juego yo, todavia

también juego.

¿Juego? No, jugar es risa

y alegría y movimiento.

Con muñeco en los brazos

me siento.

Tiene los ojos rasgados y tristes.

Es un muñeco

de comisuras caídas

y como yo

joven, viejo.

Mira de soslayo, y …

¿pensará mucho el muñeco?

Su carne de trapo palpo

y a veces le doy un beso

muy leve, sobre la frente

que no siente y que yo siento.

Mira la vida sentado

con amargura y despecho.

Su mundo es mi corazón.

¿Qué verá el muñeco dentro?

 

 

 

 

 

 

Ho due figli, e ho un pupazzo

 

 

Ho due figli, e ho un pupazzo.

Tuttavia gioco io, tuttavia

ancora gioco.

Gioco? No, giocare è risa

e allegria e movimento.

Con il pupazzo tra le braccia io mi lamento.

Ha gli occhi tristi e sdruciti.

È un pupazzo

con gli arti caduti

e come me

giovane, vecchio.

Guarda di sbieco, e …

penserà molto il pupazzo?

Palpo la sua carne di pezza

e a volte gli do un bacio

molto lieve, sulla fronte

che non sente e che io sento.

Guarda la vita seduto

con amarezza e disprezzo.

Il suo mondo è il mio cuore.

Che cosa vedrà dentro il pupazzo?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Juega como los pájaros y el viento

 

 

Juega como los pájaros y el viento

y yo, como los pájaros y el viento

le traje a mí, cuando me di al amor.

Juega como los pájaros y el viento

porque toda la tierra es su elemento

aunque le cerquen ya muerte y dolor.

 

!No podrá defenderlo tu ternura!

Es bello el sol, pero la tierra es dura ….

¡Teme al amor! ¡Huye al amor , mujer!

La nube es clara, pero el hombre es fiera,

y ¡ay! es mejor que en tus entrañas muera

que bello es ser, pero es mejor no ser.

 

 

 

 

 

 

Gioca come gli uccelli e il vento

 

 

Gioca come gli uccelli e il vento

ed io, come gli uccelli e il vento

lo condussi a me, quando mi diedi all’amore.

Gioca come gli uccelli e il vento

perché tutta la terra è il suo elemento

benché l’accerchino già morte e dolore.

 

Non potrà difenderlo la tua tenerezza!

È bello il sole, ma la terra è dura ….

Temi l’amore! Fuggi l’amore, donna!

La nube è chiara, ma l’uomo è feroce,

ah, è meglio che nelle tue viscere muoia

ché bello è essere, però meglio è non essere.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Yo cogí para olvidarte

 

 

Yo cogí para olvidarte

el barco que iba más lejos.

El de las jarcias más recias,

el de velamen más suelto,

el que con más suave andar

era el mejor marinero.

Yo cogí para olvidarte

el barco que iba más lejos.

 

Oh! suavísimo viajar

hacia el ignorado puerto

por carreteras de mar

y neumáticos de viento

mientras voy echando al agua

trocitos de tu recuerdo.

 

Por eso es que cogí el barco

que se marchaba más lejos!

 

Pasajera silenciosa,

recojo mis pensamientos,

los lavo en agua de mar

y como nuevos los dejo.

Para lavarles mejor,

cogí el barco que iba lejos …

 

Y una mañana me ofrecen

en una bandeja el puerto:

azucarillos de casas

y cocolate de negros

que llevan entre sus manos

los más rubios marineiros,

que por eso cogí el barco

que se marchaba más lejos.

 

Hombres pálidos, me déis

amistad y amores nuevos;

palmeras, me echéis al rostro

vuestro hálito de desierto

que para hallaros, cogí

el barco que iba más lejos.

 

Luna, acércame a los labios

tu blanco disco de hielo

y disuelto em agua fria

vaya a refrescar mi pecho,

que por eso cogí el barco

que se marchaba más lejos.

 

Ya siento sobre mis sienes

el milagro de tus dedos!

No importa que nuevo amor

me dé nuevos sufrimientos …

oh, silencioso viaje,

jarcias y velamen sueltos,

por eso he cogito el barco

que se marchaba más lejos!

 

 

 

 

 

Presi per dimenticarti

 

 

Presi, per dimenticarti,

la barca che andava più lontano.

Quella dalle sartie più forti,

quella dal velame più sciolto,

quella che, con più soave andare,

era il miglior marinaio.

Presi, per dimenticarti,

la barca che andava più lontano.

 

Oh! soavissimo viaggiare

verso l’ignorato porto

per strade di mare

e pneumatici di venti

mentre continuo a gettare all’acqua

pezzi del tuo ricordo.

Per questo presi la barca

che andava più lontano!

 

Passeggera silenziosa,

raccolgo i miei pensieri,

li lavo nell’acqua del mare

e come nuovi li lascio.

Per lavarli meglio,

presi la barca che andava lontano …

 

E una mattina mi offrono

su un vassoio il porto:

zuccherini di case

e cioccolata di negri

che portano per mano

i più rubri marinai

per questo presi la barca

che andava più lontano.

 

Uomini pallidi, datemi

amicizia e amori nuovi;

palme, gettatemi sulla faccia

il vostro alito di deserto

che per trovarvi, presi

la barca che andava più lontano.

 

Luna, avvicinami alle labbra

il tuo bianco disco di ghiaccio

e sciolto in acqua fredda

venga a rinfrescarmi il petto

per questo presi la barca

che andava più lontano.

 

Sento già sulle mie tempie

il miracolo delle tue dita!

Non importa che l’amore nuovo

mi dia nuovi soffrimenti …

oh, silenzioso viaggio,

sartie e sciolto velame,

per questo presi la barca

che andava più lontano!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

El muerto cruel

 

 

Suena su voz que murió,

en mi oído nuevamente.

Para que nunca te olvide

tú retornas de la muerte.

Tocas mi memoria infiel

y te marchas de esta vida.

Muerto de mal corazón,

¡los muertos no resucitan!

 

 

 

 

 

 

Il morto crudele

 

 

Suona la sua voce che morì,

nuovamente nel mio udito.

Affinché mai possa scordarti

tu ritorni dalla morte.

Tocchi la mia memoria infedele

e te ne vai da questa vita.

Morto di malo cuore,

i morti non risuscitano!

 

[1] El Grupo de los Diez (Il Gruppo dei Dieci) era un gruppo di intellettuali cileni, tra cui architetti, letterati, poeti, pittori, il cui scopo era di creare un movimento artistico che facesse emergere dal provincialismo e dal localismo tutte le espressioni artistiche cilene.

 

No widget added yet.

geo_public:
0

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Follow Us

Get the latest posts delivered to your mailbox:

%d bloggers like this: