Facebook

Mary Montague, Stain / Peccato

Stain

 

Autumn sprinkles the woods with spice, and trees

cast for the privilege. This is the price

of divestment: the chestnut, profligate

with lemon and jasmine; beech, steeped in a glaze

of paprika, turmeric—a richness of savour

next to oak’s dry coriander and cumin;

mustard of sycamore; pine’s fresh bay leaf;

and bracken, faded to ginger and sage.

Berries of rowan lend a dash of chilli,

and, where a tea-dark mulch dresses the paths,

throngs of willowherb wave fronds of cinnamon.

The silk of leaf is squandered with spendthrift

flourish on the feast of fall, riot

of original stain seeping slowly through.

 

Mary Montague, Tribù, Edizioni Kolibris 2013

Peccato

 

L’autunno cosparge i boschi di spezie, e alberi

si contendono il privilegio. È il prezzo

della spoliazione: il castagno, dissoluto

con limone e gelsomino; faggio, immerso in una glassa

di paprika, curcumina – una ricchezza di sapori

vicina al coriandolo e al cumino della quercia;

mostarda di sicomoro; fresco alloro di pino;

e felce, smorzato in zenzero e salvia.

Bacche di sorbo prestano un pizzico di chili,

e, dove un pacciame di tè nero riveste i sentieri,

mucchi di epilobio scuotono fronde di cannella.

La seta della foglia è dissipata dal prodigo

mulinello nella festa della caduta, sommossa

del peccato originale che lentamente s’insinua.

 

Traduzione di Chiara De Luca

No widget added yet.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Follow Us

Get the latest posts delivered to your mailbox:

%d bloggers like this: