Facebook

Massimo Sannelli

massimo1Massimo Sannelli è il “tenace soldatino di stagno” della favola. Nato il 27 novembre 1973, un martedì mattina, tirato fuori col forcipe, perché “nasce l’uomo a fatica”. Allievo di Edoardo Sanguineti, laurea a 22 anni e 7 mesi, ma non è un materialista storico. Allievo di Claudio Leonardi, dottorato di ricerca a 30 anni, ma non è tradizionalista, Lavoratore ostinato dal 1994 (arte, cinema, teatro, filologia, letteratura, editing, ghost writing, insegnamento; e lavori umili), ma persona sfuggente. Non è sposato e non ha figli. Per 12 anni (2002-2014) è stato editor della casa editrice internazionale La Finestra. Come attore, ha interpretato i film Il Rivoluzionario di Denis Astolfi, tre film di Fabio Giovinazzo (Kìnek ìrod ezt?, Monologo di Palinuro e L’arte del Fauno, del quale è anche co-sceneggiatore), Push-bar di Samuele Wurtz, Tempo di vita di Aleksandr Balagura (mention al premio FID, Marsiglia; Tempo di vita ha partecipato anche ai festival di Mosca, Kiev, Aurangabad, Pune, Genova, Città del Messico). Ha collaborato alla Bocca del Lupo di Pietro Marcello. A Milano ha insegnato recitazione (base e avanzata) presso l’Accademia Nuovo Cinema. Ha scritto in prosa Scuola di poesia (Vydia, 2011) e Digesto (Tormema, 2014). Il suo primo vero libro di poesie è Intendyo (La Camera Verde, Roma 2016).

No widget added yet.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Follow Us

Get the latest posts delivered to your mailbox:

%d bloggers like this: