Facebook

Nuno Júdice, A matéria do poema/La matière du poème/La materia della poesia

 

 

 

A MATÉRIA DO POEMA

 

Para Salah Stétié

 

 

Há uma substância das coisas que não

se perde quando as asas da beleza

lhe tocam. Perdemo-la de vista, às vezes,

por entre as esquinas da vida; mas

ela persegue-nos com o seu desejo

de permanência, e vem contaminar-nos

com a infecção divina de uma febre de

eternidade. Os poetas trabalham

esta matéria. Os seus dedos tiram

o acaso de dentro do que vem ao

seu encontro, e sabem que o improvável

se encontra no coração do instante,

num cruzamento de olhos que

a palavra do poema traduz. Leio

o que escrevem; e da chama que

os seus versos alimentam eleva-se

o fumo que o céu dispersa, por

entre o azul, deixando apenas um

eco do que é essencial, e fica.

 

 

Nuno Júdice, A matéria do poema, Dom Quixote, Lisbona 2006

 

 

 

 

 

LA MATIÈRE DU POÈME

 

Il existe une substance des choses qui ne

se perd pas quand les ailes de la beauté

la touchent. Nous la perdons de vue, parfois,

parmi les tournants de la vie, mais

elle nous poursuit de son désir

de permanence, et elle vient nous contaminer

de l’infection divine d’une fièvre

d’éternité. Les poètes travaillent

cette matière. Leurs doigts extraient

le hazard de l’intérieur de ce que vient à

leur rencontre, et savent que l’improbable

se trouve au cœur de l’instant,

dans un croisement de regards que

le mot du poème traduit. Je lis

ce qu’ils écrivent ; et de la flamme que

leurs vers alimentent s’élève

la fumée que le ciel disperse, parmi

l’azur, laissant à peine un

écho de ce qui est essentiel, et demeure.

 

 

traduit du portugais par Blandine Farneti

dans «Nunc», n. 15, 03/2008

 

 

 

 

LA MATERIA DELLA POESIA

 

Per Salah Stétié

 

 

C’è una sostanza delle cose che non

si perde quando le ali della bellezza

la toccano. La perdiamo di vista, talvolta,

girando gli angoli della vita; ma

lei ci insegue con il suo desiderio

di permanenza, e viene a contaminarci

con l’infezione divina di una febbre di

eternità. I poeti lavorano

questa materia. Le loro dita estraggono

il caso da chi va

loro incontro, e sanno che l’improbabile

si trova nel cuore dell’istante,

in un incrocio di sguardi che

la parola della poesia traduce. Leggo

ciò che scrivono; e dalla fiamma che

i loro versi alimenta si leva

un fumo che il cielo disperde, in

mezzo all’azzurro, lasciando appena un

eco di ciò che è essenziale, e permane.

 

 

traduzione italiana di Chiara De Luca

 

Altre poesie di Nuno Júdice da A matéria do poema sono state pubblicate su Officina Poesia di “Nuovi Argomenti”.

 

 

 

Nuno_JudiceNuno Júdice è nato a Mexilhoeira Grande, Algarve. Oltre ad essere uno dei maggiori poeti contemporanei di lingua portoghese, è saggista, narratore, traduttore e critico letterario. Attualmente è professore di Letteratura all’Universidade Nova di Lisbona, dove vive. Tra il 1969 e il 1974, ha fatto parte della redazione della popolare rivista “Time and Mode”. È stato rappresentante della sezione Letteratura alla 49ma Fiera di Francoforte e ha organizzato la settimana europea della cultura per Lisbona ’94 – Capitale Europea della Cultura. Nel 1996, ha diretto la rivista letteraria “Tabacaria”, pubblicata da “Casa Fernando Pessoa”. Nel 1997, è stato nominato Consulente Culturale dell’Ambasciata del Portogallo e direttore dell’Istituto Camões di Parigi. Nel 2009, ha assunto la direzione della rivista “Colóquio/Letras” della Gulbenkian Foundation. Sue poesie sono state tradotte in spagnolo, italiano, inglese e francese. Lavora per il teatro e ha tradotto autori come Molière, Shakespeare ed Emily Dickinson. Si occupa della sezione Cultura della Fondazione José Saramago, creata nel 2008. È stato nominato “Grande-Oficial da Ordem de Sant’Iago da Espada” in Portogallo e Officier de l’Ordre des Arts et des Lettres in Francia.

Nel corso degli anni, ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti letterari, tra cui il premio Reina Sofía per la Poesia Ibero-americana 2013, il più importante cui un poeta della Penisola Iberica possa aspirare.

Tra le sue opere più recenti ricordiamo: Poesia Reunida (1967-2000) (2000), Pedro, Lembrando Inês (2001), Cartografia de Emoções (2001), O Estado dos Campos (2003), Geometria Variável (2005), As Coisas Mais Simples (2006), O Breve Sentimento do Eterno (2008), A Matéria do Poema (2008), Guia de Conceitos Básicos (2010), Fórmulas de uma luz inexplicável (2012), Navegação de Acaso (2013)

No widget added yet.

geo_public:
0, 0

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Follow Us

Get the latest posts delivered to your mailbox:

%d bloggers like this: