Facebook

Patricio Foglia

A cura di Antonio Nazzaro

 

Sobre la poesía de Patricio Foglia

En la poesía de Patricio Foglia lo narrativo atraviesa el espacio poético y el dictum transcurre en tono coloquial, a veces para mostrar su intimidad, otras veces para describir aquello que llamamos realidad y es subjetiva. El interés está puesto en la descripción de lo concreto y las reflexiones/interpretaciones/asociaciones que se pueden hacer sobre ese fenómeno poético. Para Foglia, el mundo es creación constante y la palabra es la que construye el mundo, lo inaugura, para enunciar y comprobar lo que existe, para expresar lo que podrá ser.

Enrique Solinas

 

 

Sulla poesia di Patricio Foglia

Nella poesia di Patrizio Foglia l’elemento narrativo percorre lo spazio poetico ed il dictum si dipana con tono colloquiale, a volte per mostrare l’interiorità, altre per descrivere quel che chiamiamo realtà ed è soggettiva. L’interesse è posto sulla descrizione del dato concreto e sulle riflessioni/interpretazioni/associazioni che da questo fenomeno poetico possono essere originate. Per Foglia il mondo è creazione costante e la parola è ciò che costruisce il mondo, lo inaugura, per enunciare e comprovare l’esistente, per esprimere quello che potrà essere.

Enrique Solinas

Da el hilo dorado. Muestra de poesía argentina reciente, Vallejo & Co., 2015.
Prefazione di Mario Pera, selezione e note critiche di Enrique Solinas

 

 

 

Dicono che luglio li prepari e agosto se li porti

 

però nonna è morta in estate, alla fine di febbraio

in un letto del Santojanni

da noi ottenuto grazie a un amico

che avevamo in municipio

e le ultime parole di mia nonna

non le ricordo

però ricordo la vista dalla sua finestra

durante la terapia intermedia

che dava sul cortile dell’ospedale

e un albero, lì sotto

nello stesso cortile,

pieno di foglie verdi e senza uccelli

come a cercare di far silenzio

e mi ricordo anche infermiere e infermieri

del turno del mattino del turno del pomeriggio e del turno della notte

il loro lavoro di formiche bianche

con antenne e mascherine

i loro occhi freddi, da insetto pensieroso

che mantiene le distanze, per fare bene il proprio lavoro

e una volta sono arrivato e stavano alzando

mia nonna, sulle spalle

per portarla in spalla

e lei si accorse che ero lì

e mi salutò con la mano

dalla sua carovana di formiche bianche

oltre il cortile interno e il suo albero

dritto verso il sole, alla fine del pomeriggio.

 

 

 

 

La madera

 

Con la madera de la cruz de Cristo

están hechas las balsas del mundo, las cunas

que naufragan africanas, escapando de la guerra al trabajo

de la guerra al frío de la navidad. Con la madera

los durmientes del tren

la espera de prostitutas

de travestis de clientes

de mujeres con la cena hecha

aunque el marido llegue tarde

y siempre se retrase,

de la casa al trabajo del trabajo

a los problemas, con el tránsito y con la madera

de la cruz de Cristo los dientes apretados, el rechinar

de los asientos del subte línea B

y las mesas de los cafés, con escritores mediocres,

escritores virtuosos, todos

todos con la presión en el pecho,

de los cantores de tango

que se olvidan la letra de puro borrachos,

el farolito

de un barrio que ni siquiera existe

y el recuerdo, la distancia entre la muerte y el sueño

de un pirata acodado en su navío, contemplando el mar

y el puerto y una isla a lo lejos,

los instantes previos al acecho

a la isla y sus nativos, a sus ídolos de madera.

Con la madera de la cruz

el poste en el que me recuesto y espero

en Corrientes y Scalabrini Ortiz un colectivo que no llega,

pero el viento sopla fuerte y me trae el rumor

de la luna de la noche en Palestina,

y hermanos y hermanas que nunca tuve

pero con quienes me encuentro, solitario.

 

 

 

Versiones de la lluvia

 

La lluvia existe

para que puedan existir los charcos

con sus sapos y los perros negros

que al fragor de la lluvia, observan cómo su pelaje

se convierte en un manto de tintes plateados

y gracias a que existe la lluvia

el olor a pasto mojado, las canaletas,

el diario en la puerta para que puedas secarte las zapatos,

los fraternos paraguas prestados. La lluvia existe

para que puedan besarse, bajo la lluvia

esos dos, por última vez

sin saber que es la última vez:

mañana saldrá el sol y ella

se dará cuenta de que ya no siente lo mismo

que nada es igual, y entonces,

levantará el teléfono y le dirá

Jorge

es mejor que nos juntemos

hay algo que tenemos que charlar

Según dicen también,

en cierta mítica ocasión, llovió tanto

que la tierra fue, ante los ojos de Dios,

una nube espesa, una bruma

como la del mar cuando está bravo

y las plantas miraban azoradas

una foto del sol en la mesita de luz

y lloraban los arbustos, los árboles gigantes

todos lloraban, ahogados por los rincones.

Me regocijo de sólo pensar

que Dios es el personaje central

de mi telenovela de la tarde

esa que tanto me hace llorar

sobretodo los días nublados,

mientras plancho.

 

 

 

 

Yugoslavia viaja en barco al Mundial del 30

 

Viajamos en un barco de hierro

frío, hermoso, enorme como los Alpes.

Los camarotes no abundan

así que dormimos amuchados

envueltos por la red de uno de los arcos.

Entrenamos muy duro los primeros días

en la cubierta, bajo el sol

pero ahora todos los balones, las redes y los arcos

están en el fondo del mar

y los delfines se ríen de nuestra puntería:

uno llegó a confesarme que se hizo hincha nuestro

después de vernos entrenar, como un acto de misericordia

las ratas, en cambio,

fueron más gentiles y no opusieron tanta resistencia

dos de cada tres roedores fueron cazados y convertidos en pelotas

y aunque perdimos la mitad de nuestras medias

y a nuestro defensor estrella, muerto en combate

(que en paz descanses Zlatko Vujović, la Patria te recuerda!)

pudimos entrenarnos un día más, una tarde inolvidable

gracias a Zlatko, a las medias, a la batalla de las ratas

en la cubierta del sol, con el océano como tribuna

como un estadio vacío lleno de agua y aire

en dónde flotamos o volamos

mientras el aliento del océano parece anónimo

aunque yo creo escuchar la voz de mi padre

insultando al juez de línea

y el sol me va a matar, este vaivén me va a matar

estoy mareado, a punto de caerme,

pero logro sujetarme a un compañero

levanto la vista y está el horizonte: estoy orgulloso de ser yugoslavo!

un periodista acerca su micrófono y nos pregunta: ¿Están preparados?

Estamos preparados, vamos a dar pelea

nuestro técnico es un viejo lobo de mar

y el mundial Moby Dick: Uruguay nos espera

como una ballena desaforada que sale a nuestro encuentro

y estamos desarmados: ya no quedan arpones, ya no quedan balones

en la cubierta del barco que nos lleva

sin camarotes, bajo el sol, en los Alpes, en el mar

este es sin dudas el mejor momento de mi vida.

Da el hilo dorado. Muestra de poesía argentina reciente, Vallejo & Co., 2015.
Prefazione di Mario Pera; selezione e note critiche di Enrique Solinas

 

 

 

Dicono che luglio li prepari e agosto se li porti

 

però nonna è morta in estate, alla fine di febbraio

in un letto del Santojanni

da noi ottenuto grazie a un amico

che avevamo in municipio

e le ultime parole di mia nonna

non le ricordo

però ricordo la vista dalla sua finestra

durante la terapia intermedia

che dava sul cortile dell’ospedale

e un albero, lì sotto

nello stesso cortile,

pieno di foglie verdi e senza uccelli

come a cercare di far silenzio

e mi ricordo anche infermiere e infermieri

del turno del mattino del turno del pomeriggio e del turno della notte

il loro lavoro di formiche bianche

con antenne e mascherine

i loro occhi freddi, da insetto pensieroso

che mantiene le distanze, per fare bene il proprio lavoro

e una volta sono arrivato e stavano alzando

mia nonna, sulle spalle

per portarla in spalla

e lei si accorse che ero lì

e mi salutò con la mano

dalla sua carovana di formiche bianche

oltre il cortile interno e il suo albero

dritto verso il sole, alla fine del pomeriggio.

 

 

 

 

Il legno

 

Con il legno della croce di Cristo

sono fatte le scialuppe del mondo, le culle

africane che naufragano, scappando dalla guerra al lavoro

dalla guerra al freddo del natale. Con il legno

quelli che dormono sul treno

l’attesa delle prostitute

dei travestiti dei clienti

delle donne con la cena pronta

anche se il marito arriva tardi

ed è sempre in ritardo,

dalla casa al lavoro dal lavoro

ai problemi, con il traffico e il legno

della croce di Cristo i denti stretti, lo scricchiolare

dei sedili sulla metro della linea B

e i tavolini dei caffè, con scrittori mediocri,

scrittori virtuosi, tutti

tutti con il peso sul petto

dei cantanti di tango

che dimenticano le parole come ubriachi,

il lampione

di un quartiere che nemmeno esiste

e il ricordo, la distanza tra la morte e il sogno

di un pirata appoggiato al suo veliero, a contemplare il mare

e il porto e un’isola lontana,

gli istanti prima dell’assalto

all’isola ai suoi nativi, ai loro idoli di legno.

Con il legno della croce

il palo cui mi appoggio e aspetto

tra Corrientes e Scalabrini Ortiz un bus che non arriva,

però il vento soffia forte e mi porta il rumore

della luna della notte in Palestina,

e fratelli e sorelle che non ho mai avuto

ma con cui mi ritrovo, solitario

 

 

 

Versioni della pioggia

 

La pioggia esiste

perché possano esistere le pozzanghere

con i loro rospi e i cani neri

che al fragore della pioggia, guardano la propria pelle

trasformarsi in un manto di tinte argentate

e meno male che esiste la pioggia

l’odore dell’erba bagnata, le canalette,

il giornale all’entrata per asciugarti le scarpe,

i fraterni ombrelli prestati. La pioggia esiste

perché possano, sotto la pioggia, baciarsi

quei due, per l’ultima volta

senza sapere che è l’ultima:

domani uscirà il sole e lei

si renderà conto che non prova più la stessa cosa

che nulla è uguale, e allora

alzerà il telefono e gli dirà

Jorge

è meglio che ci vediamo

dobbiamo parlare di una cosa

A quanto dicono,

in una certa mitica occasione, piovve tanto

che la terra finì, davanti agli occhi di Dio,

una nuvola spessa, una bruma

come quella del mare quando è mosso

e le piante guardavano sorprese

una foto del sole sul tavolino di luce

e piangevano gli arbusti, gli alberi giganti

tutti piangevano, affogati da tutte le parti.

Mi rallegra al solo pensiero

che Dio è il personaggio centrale

della mia telenovela del pomeriggio

quella che mi fa tanto piangere

soprattutto nei giorni nuvolosi,

mentre stiro.

 

 

 

 

La Yugoslavia viaggia in nave per il Mondiale del 30

 

Viaggiamo su una nave di ferro

Fredda, bella, enorme come le Alpi.

Le cabine non abbondano

così che dormiamo ammucchiati

avvolti da una delle reti delle porte.

Ci siamo allenati duramente i primi giorni

su in coperta sotto il sole

ma adesso tutti i palloni, le reti e le porte

sono in fondo al mare

e i delfini ridono della nostra mira:

uno mi ha persino confessato che è diventato nostro tifoso

dopo averci visto in allenamento, come un gesto di misericordia

i topi, invece,

sono stati più gentili e non hanno opposto tanta resistenza

due su tre topi sono stati cacciati e trasformati in palloni

e anche se abbiamo perso la metà delle nostre calze

e la nostra stella il difensore, morto in combattimento

(che riposi in pace Zlatko Vujović, la Patria ti ricorda!)

abbiamo potuto allenarci ancora un giorno, un pomeriggio indimenticabile

grazie a Zlatko, alle calze, alla battaglia dei topi

in coperta al sole, con l’oceano per spalti

come uno stadio vuoto pieno d’acqua e d’aria

dove galleggiavamo o volavamo

mentre il sospiro dell’oceano sembra anonimo

anche se io credo di sentire la voce di mio padre

che insulta il guardalinee

e il sole mi uccide, questo vai e vieni mi uccide

mi gira la testa, sto per cadere,

pero riesco ad aggrapparmi a un compagno

alzo lo sguardo e c’è l’orizzonte: sono orgoglioso di essere jugoslavo!

un giornalista avvicina il suo microfono e ci domanda: Siete pronti?

Siamo pronti, lotteremo

il nostro tecnico è un vecchio lupo di mare

e il mundial Moby Dick: L’Uruguay ci aspetta

come una balena enorme che ci viene incontro

e siamo disarmati: sono finiti gli arpioni, sono finiti i palloni

sulla coperta della nave che ci porta

senza cabine, sotto il sole, sulle Alpi, nel mare

questo senza dubbio è il momento più bello della mia vita.

Patricio_Foglia_1Patricio Foglia (Buenos Aires, 1985). Ha pubblicato Temperley (2011), Lugano 1 e 2 (2014) e le poesie illustrate La Escafandra (2015). Sue opere fanno parte di antologie nazionali e, insieme a Marcelo Diaz, ha compilato e scritto il prologo dell’antologia della poesia e della fantascienza argentina contemporanea Los fuegos de Orc (2015). Insieme a Tom Maver, coordina il sito www.malonmalon.com.ar

Patricio_Foglia_1Patricio Foglia (Buenos Aires, 1985). Ha pubblicato Temperley (2011), Lugano 1 e 2 (2014) e le poesie illustrate La Escafandra (2015). Sue opere fanno parte di antologie nazionali e, insieme a Marcelo Diaz, ha compilato e scritto il prologo dell’antologia della poesia e della fantascienza argentina contemporanea Los fuegos de Orc (2015). Insieme a Tom Maver, coordina il sito www.malonmalon.com.ar


No widget added yet.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Follow Us

Get the latest posts delivered to your mailbox:

%d bloggers like this: