Facebook

Peggy O’Brien, Malamute

Malamute

 

Weather sent to temper us.

Tonight the door to the North

is ajar and the polar blowtorch

blasting through a crack.

 

It’s now we know zero

is more than a barren concept,

not nothing when there can be

less than this perfect nothingness,

 

minus our hand-to-mouth,

hacking cough of an existence,

strung between one thermometer

and another, mercury and blood.

 

And in between this small

benefit: the malamute out back,

who always seems nostalgic

for the Arctic, is right at home,

 

lifting his splintered howls

to the human looking moon,

emitting ice-pick yaps,

chipping away at what’s inside him.

 

Malamute

 

Maltempo mandato a temprarci.

Stanotte la porta che dà a Nord

è socchiusa e la fiamma ossidrica

polare spara a raffica da una fessura.

 

Ora sì sappiamo che zero

è più di un mero concetto,

non nulla quando può esserci

meno di questo nulla perfetto,

 

meno la nostra mano alla bocca,

a tagliare la tosse di un’esistenza,

stretta tra un termometro

e l’altro, sangue e mercurio.

 

E nel mentre questo piccolo

conforto: il malamute là fuori sul retro

che sembra avere sempre nostalgia

dell’Artico, è proprio a casa,

 

mentre leva i suoi franti ululati

al viso umano della luna,

emettendo guaiti rompighiaccio,

per disperdere in frantumi quel che ha dentro.

No widget added yet.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Follow Us

Get the latest posts delivered to your mailbox:

%d bloggers like this: