Facebook

Thomas Kinsella Featured

 

John Deane, Thomas Kinsella, Eavan Boland © Foto John F. Deane

John Deane, Thomas Kinsella, Eavan Boland
© Foto John F. Deane

 

È in uscita per edizioni Kolibris l’edizione bilingue di Selected Poems (Carcanet Press, Manchester 2007) di Thomas Kinsella, ampia selezione  di poesie scelte (1956-2006).

Di Thomas Kinsella Kolibris ha già pubblicato Appunti dalla terra dei morti, con anticipazione su “Poesia” (XXII, nr. 236, marzo 2009).

 

Di seguito una piccola scelta di testi dal volume in uscita.


(La foto d’apertura appartiene a John F. Deane, e lo ritrae con Thomas Kinsella e Eavan Boland)

 

 

Da From the Land of the Dead / Dalla terra dei morti

 

 

 

At the Crossroads

 

 

A dog’s

body zipped

open and

stiff in

the grass.

 

They used to leave hanged men here.

A night when the moon is full

and swims with evil through the trees,

if you walk from the silent stone bridge

to the first crossroads and stand there,

do you feel that sad disturbance under the branches?

Three times I have been halted there

and had to whisper ‘O Christ protect’

and not known whether my care was for myself

or some other hungry spirit.

Once by a great whiplash without sound.

Once by an unfelt shock at my ribs

as a phantom dagger stuck shuddering in nothing.

Once by a torch flare crackling

suddenly unseen in my face.

Three times, always at that same corner.

Never altogether the same. But the same.

 

Once when I had worked like a dull ox

in patience to the point of foolishness

I found myself rooted here, my thoughts

scattered by the lash Clarity:

the end of labour is in sacrifice,

the beast of burden in his shuddering prime

– or in leaner times any willing dogsbody.

 

A white face

stared from the

void, tilted over,

her mouth ready.

 

And all mouths everywhere so

in their need, turning on each furious

other. Flux of forms

in a great stomach: living meat torn off,

enduring in one mess of terror

every pang it sent through every thing

it ever, in shudders of pleasure, tore.

 

A white ghost flickered into being

and disappeared near the tree tops.

An owl in silent scrutiny

with blackness in her heart. She

who succeeds from afar…

 

 

The choice –

the drop with deadened wing-beats; some creature

torn and swallowed; her brain, afterward,

staring among the rafters in the dark

until hunger returns.

 

 

 

 

 

 

All’incrocio

 

 

Un cane

il corpo squarciato

aperto e

rigido tra

l’erba.

 

Si usava lasciare qui gli impiccati.

Di notte, quando la luna è piena

e nuota col maligno tra gli alberi,

se cammini dal muto ponte di pietra

fino al primo incrocio e ti fermi,

lo senti quel triste tumulto al di sotto dei rami?

Per tre volte sono stato bloccato in quel punto

e ho dovuto sussurrare: “Cristo, proteggimi tu”

e senza sapere se è per me che mi preoccupavo

o per qualche altro spirito affamato.

Una volta per una sferzata silenziosa.

Una volta per un’impercettibile scossa tra le costole

come un pugnale fantasma cacciato tremando nel nulla.

Una volta per il crepitìo di un bagliore di torcia

repentino e invisibile in volto.

Tre volte, sempre nello stesso angolo.

Mai lo stesso del tutto. Eppure lo stesso.

 

Una volta che avevo lavorato come un bue indolente

paziente ai limiti dell’idiozia

mi ritrovai inchiodato qui, coi pensieri

dispersi dalla sferza Chiarezza:

è nel sacrificio la fine della fatica,

la bestia da soma nel fiore fremente degli anni

– o in tempi di magra il corpo docile di un cane.

 

Una volto bianco

fissava dal

vuoto, incombeva,

con la bocca pronta.

 

E tutto era bocche ovunque così

bramose, si voltavano l’una verso

l’altra furiose. Flusso di forme

in un grande stomaco: carne viva strappata,

resisteva in una confusione di terrore

ogni spasmo da essa generato in ogni cosa

che, fremendo di piacere, avesse straziato.

 

Un bianco spettro emerse baluginando

e svanì accanto alle cime degli alberi.

Una civetta scrutava in silenzio

col buio nel cuore. Lei

che ci riesce da lontano…

 

 

La scelta –

la goccia con colpi d’ala smorzati; una creatura

gonfia e squarciata; il suo cervello, dopo,

guarda tra le travi nel buio

finché la fame non torna.

 

 

 

 

 

 

 

Da New Poems / Nuove poesie (1973)

 

 

 

Worker in Mirror, at his Bench

 

 

1

 

Silent rapt surfaces

assemble glittering

among themselves.

 

A few more pieces

What to call it…

Bright Assembly?

Foundations for a Tower?

Open Trap? Circular-Tending

Self-Reflecting Abstraction…

 

 

2

 

The shop doorbell rings.

A few people enter.

 

I am sorry. You have caught me

a little early in my preparations.

 

The way they mess with everything.

Smile. How they tighten their lips:

What is it about the man

that is so impossible to like?

The flashy coat, the flourished cuffs?

The ease under questioning…

 

Yes, everything is deliberate.

This floppy flower. Smile.

This old cutaway style – all the easier

to bare the breast. Comfortable smiles.

A cheap lapse – forgive me;

the temptation never sleeps.

The smiles more watery.

 

No, it has no practical application.

I am simply trying to understand something

– states of peace nursed out of wreckage.

The peace of fullness, not emptiness.

 

It is tedious, yes. The process is elaborate,

and wasteful – a dangerous litter

of lacerating pieces collects.

Let my rubbish stand witness.

Smile, stirring it idly with a shoe.

 

Take for example this work in hand.

Out of its waste matter

it should emerge solid and light.

One idea, grown with the thing itself,

should drive it searching inward

with a sort of life, due to the mirror effect.

Often, the more I simplify

the more a few simplicities

go burrowing in their own depths

until the guardian structure is aroused.

 

Most satisfying, yes.

Another kind of vigour, I agree

– unhappy until its actions are more convulsed:

the ‘passionate’ – might find it maddening.

Here the passion is in the putting together.

 

Yes, I suppose I am appalled

at the massiveness of others’ work.

But not deterred. I have leaned my shed

against a solid wall. Understanding smiles.

I tinker with the things that dominate me

as they describe their random persistent coherences.

Clean surfaces shift and glitter among themselves.

 

Pause. We all are vile…

Let the voice die away.

 

Awkward silence

as they make their way out.

 

 

3

 

But they are right to be suspicious

when answers distract and conceal.

What is there to understand?

Time punishes – and this the flesh teaches.

Emptiness, is that not peace?

 

Conceal and permit: pursuit

at its most delicate, truth as tinkering,

easing the particular of its litter,

bending attention on the remaining depths

as though questions had never been.

He bends closer, testing the work.

The bright assembly begins to turn in silence.

The answering brain glitters – one system

answering another. The senses enter

and reach out with a pulse of pleasure

to the four corners of their own wilderness:

 

A gold mask, vast in the distance, stares back.

Familiar features. Naked sky-blue eyes.

(It is morning, once upon a time.)

Disappears. Was it a dream? Forgotten.

 

Reappears: enormous and wavering. Silver.

Stern and beautiful, with something

not yet pain in the eyes.

The forehead begins to wrinkle:

what ancient sweet time… Forgotten.

 

Reestablishes: a bronze head

thrown back across the firmament,

a bronze arm covering the eyes.

Pain established. Eyes

that have seen… Forgotten.

 

Dark as iron. All the light

hammered into two blazing eyes;

all the darkness into one wolf-muzzle.

Resist! An unholy tongue

laps brothers’ thick blood.

Forget!

 

He straightens up, unseeing.

Did I dream another outline

in the silt of the sea floor?

Blunt stump of limb – a marble carcass

where no living thing can have crept,

below the last darkness, slowly,

as the earth ages, blurring with pressure.

The calm smile of a half-buried face:

eyeball blank, the stare inward

to the four corners of

what foul continuum.

 

Blackness – all matter

in one polished cliff face

hurtling rigid from zenith to pit

through dead

 

 

 

 

 

 

Lavoratore allo specchio, al suo banco

 

 

1

 

Superfici in silenzio assorte

scintillando si assemblano

tra loro.

 

Pochi pezzi ancora.

Come chiamarla…

Luminosa assemblea?

Fondamenta per una torre?

Trappola aperta? Auto riflettente

astrazione tendente al cerchio….

 

 

2

 

Il campanello del negozio suona.

Entrano alcune persone.

 

Mi dispiace. Mi avete sorpreso

un po’ troppo presto nei miei preparativi.

 

E come s’intromettono in tutto.

Sorriso. Come stringono le labbra:

Cosa c’è in quell’uomo

di così impossibile da amare?

Lo sgargiante cappotto, i polsini a sbuffo?

La serenità quando gli fanno domande…

 

Sì, è tutto intenzionale.

Questo fiore afflosciato. Sorriso.

Questo vecchio stile a coda di rondine – quanto di più

facile per scoprire il petto. Accoglienti sorrisi.

Una vile distrazione – perdonatemi;

non dorme mai la tentazione.

I sorrisi si fanno più acquosi.

 

No, non possiede applicazioni pratiche.

Sto solo cercando di capirci qualcosa

– stati di pace fatti nascere dalle macerie.

La pace della pienezza, non vuoto.

 

È noioso, sì. Il processo è elaborato,

e devastante – una pericolosa confusione

di pezzi laceranti si raduna.

Prendete il mio ciarpame a testimone…

Sorride, rimestandolo pigramente con una scarpa.

 

Prendete, per esempio quest’opera in mano.

Dal suo materiale rovinato

emergerebbe solido e lieve.

Un’idea, cresciuta con la cosa stessa,

dovrebbe indurlo a cercare all’interno

con una specie di vita, dovuta all’effetto riflettente.

Spesso, più semplifico

più le poche semplificazioni vanno

a scavare nei propri stessi abissi

finché non si desta la struttura di guardia.

 

Assai soddisfacente, sì.

Un altro genere di vigore, concordo

– infelice finché le sue azioni sono più convulse:

il “passionale” – potrebbe trovarlo esasperante.

Qui la passione è nel mettere insieme.

 

Sì, presumo di essere spaventato

dalla compattezza del lavoro altrui.

Ma non scoraggiato. La mia baracca l’ho appoggiata

contro una solida parete. Sorrisi di comprensione.

Armeggio con le cose che mi dominano

descrivendo le loro persistenti coerenze casuali.

Lustre superfici scivolano scintillando tra loro…

 

Pausa. Noi tutti siamo indegni…

Lasciate che muoia la voce.

 

Silenzio imbarazzato.

Fanno per uscire.

 

 

3

 

Ma hanno ragione a essere sospettosi

quando le risposte celano e sviano.

Cosa c’è là da capire?

Il tempo punisce – e questo lo insegna la carne.

Vuoto, non è forse pace?

 

Cela e consenti: insegui,

nel suo punto più delicato, la verità come armeggiando,

estraendo con cautela dal caos il particolare,

spostando l’attenzione sui restanti abissi

come se le domande non ci fossero masi state.

Si china di più, per controllare l’opera.

La luminosa assemblea inizia a girarsi in silenzio.

La mente che risponde scintilla – un sistema

risponde a un altro. I sensi entrano

e si sporgono con un palpito di piacere

verso i quattro angoli della loro stessa giungla:

 

una maschera d’oro, vasta in distanza, ricambia lo sguardo.

Tratti familiari. Nudi occhi azzurri di cielo.

(È mattina, c’era una volta.)

Scompare. Era un sogno? Dimenticato.

 

Riappare: enorme e ondeggiante. Argento.

Saldo e bello, con qualcosa

di prossimo alla pena negli occhi.

La fronte inizia a corrugarsi:

quale dolce tempo antico… Dimenticato.

 

Ristabilisce: una testa bronzea

gettata all’indietro nel firmamento,

un braccio bronzeo che copre gli occhi.

Pena insediata. Occhi

che hanno visto… Dimenticato.

 

Scuro come ferro. Tutta la luce

conficcata in due occhi scintillanti;

tutto il buio in un solo muso di lupo.

Resisti! Un’empia lingua

lecca il denso sangue del fratello.

Dimentica!

 

Si raddrizza, senza vedere.

Ho forse sognato un altro profilo

nel limo sul fondo del mare?

Smussato moncone di ramo – una carcassa marmorea

in cui nessuna cosa viva può aver strisciato,

sotto l’estrema oscurità, lentamente,

mentre la terra invecchia, offuscandosi per la pressione.

Il calmo sorriso di un volto semisepolto:

orbita vuota, lo sguardo verso l’interno

verso i quattro angoli di

quale infame continuum…

 

Nerezza – tutta la materia

in una levigata faccia di roccia

che rigida sfreccia dallo zenith al pozzo

attraverso i morti

 

 

 

 

 

 

Da Nightwalker and Other Poems / Da viandante notturno e altre poesie

 

 

 

 

The dream

 

Look into the cup: the tissues of order

Form under your stare. The living surfaces

Mirror each other, gather everything

Into their crystalline world. Figure echoes

Figure faintly in the saturated depths;

 

Revealed by faint flashes of each other

They light the whole confines: a fitful garden…

A child plucks death and tastes it; a shade watches

Over him, the child fades and the shade, made flesh,

Stumbles on understanding, begins to fade,

 

Bequeathing a child in turn; women-shapes pass

Unseeing, full of knowledge, through each other

… All gathered. And the crystal so increases,

Eliciting in its substance from the dark

The slowly forming laws its increases by.

 

Laws of order I find I have discovered

Mainly at your hands. Of failure and increase.

The stagger and recovery of spirit:

That life is hunger, hunger is for order,

And hunger satisfied brings on new hunger

 

Till there’s nothing to come; – let the crystal crack

On some insoluble matter, then its heart

Shudders and accepts the flaw, adjusts on it

Taking new strength – given the positive dream;

Given, with your permission, undying love.

 

That, while the dream lasts, there’s a total hunger

That gropes out disappearing just past touch,

A blind human face burrowing in the void,

Eating new tissue down into existence

Until every phantasm – all that can come –

 

Has roamed in flesh and vanished, or passed inward

Among the echoing figures to its place,

And this live world is emptied of its hunger

While the crystal world, undying, crowds with light,

Filling the cup… That there is one last phantasm

 

Who’ll come painfully in old lewd nakedness

– Loose needles of bone coming out through his fat –

Groping with an opposite, equal hunger,

Thrusting a blind skull from its tatters of skin

As from a cowl, to smile in understanding

 

And total longing; aching to plant one kiss

In the live crystal as it aches with fullness,

And accommodate his body with that kiss;

But that forever he will pause, the final

Kiss ungiveable. Giving without tearing

 

Is not possible; to give totality

Is to be torn totally, a nothingness

Reaching out in stasis a pure nothingness.

– Therefore everlasting life, the unmoving

Stare of full desire. Given undying love.

 

 

 

 

Il sogno

 

Guarda dentro la tazza: i tessuti dell’ordine

si formano sotto il tuo sguardo. Le superfici vive

si riflettono a vicenda, radunano ogni cosa

nel loro mondo cristallino. Una figura rieccheggia

l’altra debolmente nei saturi abissi;

 

rivelate l’una all’altra da fragili carni

illuminano i confini per intero: un giardino irregolare…

Un bimbo coglie la morte e l’assaggia; un’ombra guarda

dall’alto, il bimbo sfuma e l’ombra, incarnata,

inciampa nella comprensione, inizia a svanire,

 

lasciando a sua volta un bimbo in eredità; forme femminili si passano

ciecamente attraverso a vicenda, colme di conoscenza

… tutte radunate. E in tal modo cresce il cristallo,

trasferendo dal buio alla propria sostanza le leggi

in lenta formazione dai suoi accrescimenti.

 

Leggi d’ordine che mi accorgo di avere scoperto

soprattutto nelle tue mani. Di crescita e fallimento.

Il barcollamento e la ripresa dello spirito:

che vita è fame, ed è fame d’ordine,

e la fame saziata produce nuova fame

 

finché nulla deve più accadere; – lascia che il cristallo si franga

su qualche insolubile materia, poi il suo cuore

rabbrividisce e accetta l’incrinatura, vi si adatta

prendendo nuova forza – dato il sogno positivo

dato, col tuo permesso, amore immortale.

 

Che, mentre dura il sogno, c’è una fame totale

se ne va a tastoni svanendo appena fuori portata,

un volto umano accecato che scava nel vuoto,

mangiando per portare alla luce nuovo tessuto

finché ogni fantasma – tutti quelli che possono venire –

 

ha vagato nella carne ed è sparito, o passato all’interno

tra le figure echeggianti verso il suo posto,

e questo mondo vivo è vuotato della sua fame mentre

il mondo di cristallo, immortale, si assiepa di luce,

riempiendo la tazza… Che c’è un ultimo fantasma

 

che verrà penosamente nell’antica nudità indecente

– liquidi aghi di ossa fuoriescono dal suo grasso –

brancolando con una fame opposta e uguale,

estraendo un teschio cieco dai suoi brandelli di pelle

come da un cappuccio, per sorridere senza capire

 

e desiderio totale; che brama di piantare un bacio

nel vivo cristallo mentre soffre della pienezza,

e predispone il corpo a quel bacio;

ma che per sempre lui si fermerà, l’ultimo

bacio non può essere dato. Dare senza strappare

 

non è possibile; dare totalmente

è essere strappati totalmente, un nulla

che staticamente estende un puro nulla.

– Perciò vita eterna, l’immobile

sguardo di pieno desiderio. Dato l’amore immortale.

 

 

 

 

 

 

Da Uno (1974)

 

 

 

Finistère

 

1

 

One.

I smelt the weird Atlantic.

Finistère…

Finisterre…

 

The sea surface darkened. The land behind me,

and all its cells and cists, grew dark.

From a bald boulder on the cairn top

I spied out the horizon to the northwest

and sensed that minute imperfection again.

Where the last sunken ray withdrew.

A point of light.

 

A maggot of the possible

wriggled out of the spine

into the brain.

 

We hesitated before that wider sea

but our heads sang with purpose

and predatory peace.

And whose excited blood was that

fumbling our movements? Whose ghostly hunger

tunnelling our thoughts full of passages

smelling of death and clay and faint metals

and great stones in the darkness?

 

At no great distance out in the bay

the swell took us into its mercy,

grey upheaving slopes of water

sliding under us, collapsing,

crawling onward, mountainous.

 

Driven outward a day and a night

we held fast, numbed by the steady

might of the oceanic wind.

We drew close together, as one,

and turned inward, salt chaos

rolling in silence all around us,

and listened to our own mouths

mumbling in the sting of spray:

 

– All wind end well

mild mother

on wild water pour peace

 

who gave us our unrest

whom we meet and unmeet

in whose yearning shadow

we erect our great uprights

and settle fulfilled

and build and are still

unsettled, whose goggle gaze

and holy howl we have scraped

speechless on slabs of stone

poolspirals opening on

closing spiralpools

and dances drilled in the rock

in coil zigzag angle and curl

river ripple earth ramp

suncircle moonloop…

in whose outflung service

we nourished our hunger

uprooted and came

in whale hell

gale gullet

salt hole

dark nowhere

calm queen

pour peace

 

The bad dream ended at last.

In the morning, in a sunny breeze,

bare headlands rose fresh out of the waves.

We entered a deep bay, lying open

to all the currents of the ocean.

We were further than anyone had ever been

and light-headed with exhaustion and relief

– three times we misjudged and were nearly driven

on the same rock.

(I had felt all this before.)

We steered in along a wall of mountain

and entered a quiet hall of rock echoing

to the wave-wash and our low voices.

I stood at the prow. We edged to a slope of stone.

I steadied myself. ‘Our Father…’ someone said

and there was a little laughter. I stood

searching a moment for the right words.

They fell silent. I chose the old words once more

and stepped out. At the solid shock

a dreamy power loosened at the base of my spine

and uncoiled and slid up through the marrow.

A flow of seawater over the rock fell back

with a she-hiss, plucking at my heel.

My tongue stumbled

 

Who

is a breath

that makes the wind

that makes the wave

that makes   this   voice?

 

Who

is the bull with seven scars

the hawk on the cliff

the salmon sunk in his pool

the pool sunk in her soil

the animal’s fury

the flower’s fibre

a teardrop in the sun?

 

Who

is the word that spoken

the spear springs

and pours out terror

the spark springs

and burns in the brain?

When men meet on the hill

dumb as stones in the dark

(the craft knocked behind me)

who is the jack of all light?

Who goes in full into

the moon’s interesting conditions?

Who fingers the sun’s sink hole:

(I went forward, reaching out)

 

 

 

 

Finistère

 

1

 

Uno.

Ho sentito l’odore del misterioso Atlantico.

Finistère…

Finisterre…

 

La superficie del mare si oscurò. La terra dietro di me,

e tutte le sue celle e ciste, si oscurarono.

Da un brullo masso sulla cima di un cumulo di pietre

spiavo l’orizzonte rivolto a nordovest

e di nuovo percepivo la minuta imperfezione.

Dove l’ultimo raggio sprofondato si ritirava.

Un punto di luce.

 

Una larva del possibile

svicolata dalla spina dorsale

e finita nel cervello.

 

Indugiammo davanti a quel mare più ampio

ma le nostre teste cantavano d’intento

e pace predatoria.

e di chi era il sangue eccitato che

ci confondeva i movimenti? Di chi la fame spettrale

che ci perforava i pensieri pieni di passaggi

odorosi di morte e argilla e leghe di metalli

e grandi pietre nell’oscurità?

 

A non grande distanza laggiù nella baia

il moto ondoso ci prese alla sua mercé,

grigi pendii d’acqua crescente

scorrevano sotto di noi, collassando,

strisciando in avanti, montuosi.

 

Spinti al largo per un giorno e una notte

ci reggevamo con forza, storditi dalla costante

potenza del vento oceanico.

Ci stringemmo fino a essere uno soltanto,

e ci rivolgemmo all’interno, caos salato

ci rotolava intorno in silenzio,

e ascoltammo le nostre stesse bocche

mormorare nel morso della spuma:

 

– Tutto è vento quel che finisce bene

dolce madre

su acqua furiosa versa la pace

chi ci ha dato la nostra inquietudine

chi incontrammo e non incontrammo

all’ombra bramosa di chi

erigiamo i nostri pali giganti

e c’insediamo appagati

e costruiamo e ancora siamo

inquieti, di chi è lo sguardo stralunato

e il sacro ululato che abbiamo scorticato

in silenzio su lastre di pietra

gorghi che si aprono su

gorghi che si chiudono

e danze scavate nella roccia

in spira zigzag angolo e riccio

fiume increspatura terra rampa

cerchio del sole ansa di luna…

al servizio spregiato di chi

abbiamo nutrito la nostra fame

ci siamo sradicati e siamo giunti

nell’inferno della balena

                 gola di vento forte

buco salato

buio nondove

calma regina

pura pace

 

il brutto sogno finalmente si dissolse.

Al mattino, in una brezza assolata,

nudi promontori riemersero dalle onde.

Entrammo in una baia profonda, aperta

a tutte le correnti dell’oceano.

Ci eravamo spinti più in là di chiunque

altro e storditi da estenuazione e sollievo

– tre volte sbagliammo e fummo quasi trascinati

sulla stessa roccia.

(Tutto questo l’avevo già provato.)

Girammo lungo una parete montuosa

ed entrammo in un quieto atrio di roccia echeggiante

lo sciabordio delle onde e le nostre voci sommesse.

Io ero a prua. Accostammo verso un declivio pietroso.

Mi tranquillizzai. “Padre nostro…” disse qualcuno

e si sentì una risatina. Stavo in piedi

cercando il momento per le giuste parole.

Loro tacquero. Scelsi di nuovo le vecchie parole

e saltai fuori. Al solido colpo una polvere

di sogno si sciolse alla base della mia spina dorsale

si dipanò e risalì scivolando il midollo.

Un flusso d’acqua di mare sulla roccia ricadde

con un shhhhh, colpendomi il tallone.

La lingua mi si annodò

 

Chi

è un respiro

che fa il vento

che fa l’onda

che fa   questa   voce?

 

Chi

è il toro dalle sette cicatrici

il falco sulla rupe

il salmone sprofondato nella polla

la polla sprofondata nel suolo

la furia dell’animale

la fibra del fiore

una lacrima nel sole?

 

Chi

è la parola che una volta pronunciata

la lancia scatta

e riversa terrore

pianta la lancia

e brucia nel cervello?

Quando s’incontrano sulla collina

uomini muti come pietre nel buio

(l’arte bussò dietro di me)

chi è lo strumento di tutta la luce?

Chi penetra con tutto il corpo

le affascinanti condizioni della luna?

Chi tocca con le dita la dolina del sole:

(Avanzai, sporgendomi)

 

 

 

 

 

 

da A Technical Supplement/Un supplemento tecnico (1976)

 

 

 

 

11

 

The shower is over.

And there’s the sun out again

and the sound of water outside

trickling clean into the shore.

And the little washed bird-chirps and trills.

 

A watered peace. Drop. At the heart.

Drop. The unlikely heart.

 

A shadow an instant

on the window. A bird.

And the sun is gone in again.

 

(Good withdrawn, that other good may come.)

 

We have shaped and polished.

We have put a little darkness behind us,

we are out of that soup.

Into a little brightness.

That soup.

 

The mind flexes.

The heart encloses.

 

 

 

 

11

 

L’acquazzone è finito.

E il sole è tornato

col suono d’acqua all’esterno

che goccia cristallino sulla riva.

E i piccoli trilli e cinguettii dilavati.

 

Una pace acquosa. Goccia. Nel cuore.

Goccia. L’inverosimile cuore.

 

Un’ombra un’istante

sulla finestra. Un uccello.

E il sole è di nuovo sparito.

 

(Ben ritirato, affinché altro ne possa venire.)

 

Abbiamo forgiato e lucidato.

Ci siamo lasciati un piccolo buio alle spalle,

siamo fuori da quel brodo.

In una minuta luminosità.

Quel brodo.

 

La mente si articola.

Il cuore circonda.

 

 

 

 

 

 

Da Song of the Night and Other Poems / Canto della notte e altre poesie (1978)

 

 

 

Philadelphia

 

A compound bass roar

an ocean voice

Metropolis in the ear

soft-thundered among the towers below

breaking in a hiss of detail

but without wave-rhythm

without breath-rhythm

exhalation without cease

amplified

of terrible pressure

interrupted by brief blasts and nasal shouts

guttural diesels

a sky-train waning in a line of thunder.

 

I opened the great atlas on the desk.

 

The Atlantic curved on the world.

 

 

 

 

Filadelfia

 

Un composto ruggito di basso

una voce oceanica

Metropoli nell’orecchio

tuonò dolcemente tra le torri in basso

spezzandosi in un sibilo di dettaglio

ma senza ritmo d’onda

senza ritmo di respiro

esalazione senza sosta

amplificata

di terribile pressione

interrotta da brevi scoppi e grida nasali

diesel gutturali

una fila di cielo declinante in una linea di tuono.

 

Aprii il grande atlante sulla scrivania.

 

L’Atlantico incurvato sul mondo.

 

 

 

 

 

Da Songs of the Psyche / Canti della psiche

 

 

 

 

8

 

A tree with a twisted trunk;

two trees grown into one.

A heart-carving grown thick,

the cuts so deep.

 

The leaves reached out past us

and hissed: We were so fond of you!

There was a stir of flower heads

about our feet

 

gold for the first blaze,

red for the rough response,

dark blue for misunderstanding,

jet black for rue,

 

pale for the

unfinished children

that are

waiting everywhere

 

 

 

 

 

8

 

Un albero dal tronco contorto;

due alberi a farne uno soltanto.

Un’ispessita incisione del cuore,

i tagli tanto profondi.

 

Le foglie si sporsero oltre noi

e sibilarono: Ti volevamo così bene!

Ci fu un moto di corolle di fiori

attorno ai nostri piedi

 

oro per il primo incendio,

rosso per la ruvida risposta,

blu cupo per il malinteso,

nero corvino per il rammarico,

 

pallido per i

figli incompiuti

che stanno

aspettando in ogni dove

 

 

 

 

KinsellaThomas Kinsella è nato nel 1928 a Inchicore, Dublino. Ha studiato presso la Model School di Inchicore e le O’Connells Schools e si è lauretao in Scienze all’University College di Dublino.

Kinsella iniziò a pubblicare le sue poesie nella rivista dell’università, nel “National Student” e in “Poetry Ireland”. La sua prima raccolta poetica, Poems, è stata pubblicata nel 1956 e seguita da numerose altre, che gli guadagnarono numerosi premi e riconoscimenti, tra cui il Poetry Book Society (1958, 1962), il Guinness Poetry Award (1958) e il Denis Devlin Memorial Award (1967). Kinsella iniziò a tradurre in inglese opere in antico irlandese, tra cui Longes Mac Unsnig, The Breastplate of St Patrick e Thirty-Three Triads.
Il 1963 Thomas Kinsella lo trascorse ad Harvard per studiare l’antico irlandese per prepararsi a tradurre l’opera epica The Táin. Nel 1965, Kinsella cambiò vita, lasciando l’impiego presso il Dipartimento delle Finanze e entrando alla Southern Illinois University, per poi, nel 1970, spostarsi alla Temple University come professore di inglese. Membro della Irish Academy of Letters dal 1965, Kinsella fu premiato con tre Guggenheim (1968, 1971, 1978) e si divise tra USA e Irlanda.
Il forte interesse del poeta e traduttore anche per l’editoria è evidenziato dalla sua direzione della Dolmen Press e della Cuala Press. Nel 1972, inoltre, fondò la sua casa editrice, la Peppercanister Press, il cui nome deriva dall’appellativo familiare della St Stephen’s Church a Mount St, Dublin, visibile da Percy Place, dimora del poeta. Dal 1972, dunque, le opere di Kinsella iniziarono ad essere pubblicate dalla Peppercanister, a partire da Butcher’s Dozen, satira sull’ingiusto proscioglimento da parte del Widgery Tribunal dell’esercito britannico che il 30 gennaio 1972 a Derry aveva sparato a tredici civili disarmati. Poi fu la volta di tre elegie: A Selected Life (1972) e Vertical Man (1973) esplorano il rapporto tra l’artista e la comunità, mentre The Good Fight (1973), scritta per il decimo anniversario dell’assassinio del presidente Americano John F. Kennedy, indaga temi come l’illusione e la realtà nell’arte e nella politica. One (1974) è un’esplorazione della psiche umana, con particolari riferimenti alla psicologia di Jung. Song of the Night and Other Poems (1978), sull’amore e sulla natura della comprensione, fu pubblicato insieme a The Messenger, scritto in memoria del padre del poeta, John Paul Kinsella, morto nel 1976.
Dopo una pausa di sette anni, durante i quali Kinsella lavorò a due progetti – un’antologia di poesia irlandese An Duanaire: 1600-1900, Poems of the Dispossessed (1981), tradotta dallo stesso Kinsella, e il New Oxford.Book of Irish Verse (1986), da lui pubblicato – il nono Peppercanister, Songs of the Psyche, fu pubblicato nel 1985. Questo volume si collega all’esplorazione psicologica dei testi precedenti e punta contemporaneamente a interessi più grandi del poeta, nei confronti di maggiori contesti storici presenti nelle opere successive, Her Vertical Smile (1985), Out of Ireland (1987) e St Catherine’s Clock (1987).
In One Fond Embrace (1988), Personal Places (1990), Poems From Centre City (1990), Madonna and Other Poems (1991), e Open Court (1991) lo sguardo del poeta si sposta da un contesto passato alla storia più contemporanea. Ambientate a Dublino e dintorni, queste poesie mescolano temi personali e politici in una critica della società irlandese contemporanea. The Pen Shop (1996), con gli ultimi volumi del XX secolo, The Familiar (1999) e Godhead (1999), segnalano una svolta rispetto all’aspra critica della poesia del primo Novecento a una meditazione più lirica sull’io. Citizen of the World e Littlebody (entrambe 2000) tornano a tematiche più vicine a quelle di Madonna and other Poems e The Penshop.
La poesia di Kinsella è densa di temi piuttosto complessi e negli ultimi anni rifugge dal lirismo prediligendo uno stile narrativo e fonti diverse che vanno dalla mitologia irlandese, all’illuminismo europeo alla storia americana contemporanea. (irlandando.it)

 

No widget added yet.

geo_public:
0

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Follow Us

Get the latest posts delivered to your mailbox:

%d bloggers like this: