Facebook

WOUTERS, Liliane

woutersLiliane Wouters, Il biglietto di Pascal

Liliane Wouters è una delle poetesse belghe contemporanee più note, riconosciute e apprezzate. La sua è una poesia ricca di riferimenti storici, letterari e mitologici, ma anche profondamente intrisa di realtà, quella di ogni giorno, dalla cronaca alla confessione intima tra sodali, dallo scambio epistolare al citazionismo pubblicitario e televisivo. Liliane Wouters predilige una lingua lirica, curata ed elegante, eppure intessuta di contaminazioni, dal linguaggio colloquiale al latino, dal detto popolare al riferimento intertestuale, implicito o dichiarato. “Non temiamo di essere troppo grandi, di puntare alto,” scrive la Wouters, rivendicando la singolarità del linguaggio poetico rispetto alla frequente deriva contemporanea verso “minimalismo” linguistico, sciatteria espressiva e cadenza prosastica ostentatamente dimessa. Non temiamo “di puntare alto / di attaccare la lira a una stella”, esorta la Wouters, chiamandoci a re-impossessarci della parola e restituirle significato, anche se “ la parola lira è obsoleta”, anche se “quanto alle stelle, parlarne è da matusa”. La poesia è per Liliane Wouters “destino mai compiuto”, è continua ricerca di nuovi slanci comunicativi dal trampolino di un patrimonio culturale condiviso, è tentativo di restituzione di quel che segna l’anima e muove i palpiti del cuore. La parola poetica piena è àncora di salvezza che non preserva il poeta dalla tempesta, ma tenta di riportarlo in superficie, salvandolo dall’annegamento nella disperazione. La poesia è tutto ciò che resta pur dopo aver cambiato mille volte “amori, compagnie, vita:”; è quel che ritroviamo sempre accanto nel letto la sera, che dà un senso e una forma al dolore insito nell’esistenza, vista come una necessaria successione di “mute”, di piccole o grandi morti ripetute per vestire una nuova pelle e rinascere ogni volta, perché: “devono sfilarci la buccia / scorticarci fino all’anima / per arrivare al torsolo infine”. La poesia è difesa del sacro, restituzione della memoria, anche laddove ricordare crei dolore perché – per quanti sforzi facciamo – al puzzle manca sempre un frammento, al mosaico una tessera, e il quadro ci si mostra sempre incompleto, come il tessuto sfilacciato del nostro presente: “Scrutare una foto fa male: / come rovistare nella sabbia. / Quei volti che amavi: / hai paura di rivederne i tratti. / I cenci sporchi del passato / li vanno lentamente cancellando / dalla tela sporca del passato”.

Chiara De Luca

In Liliane Wouters, Il biglietto di Pascal, Kolibris 2009

No widget added yet.

original_post_id:
348, 348, 348, 348, 348, 348, 348, 348
Follow Us

Get the latest posts delivered to your mailbox: